Copa América Centenario 2016: l’Argentina vince il big match col Cile per 2-1, Panama batte Bolivia

Calcio-Angel-Di-Maria.jpg

La notte italiana della Copa América Centenario si è aperta ad Orlando con il match tra Panama e Bolivia, il primo valido per il Gruppo D. Decisivo il bomber panamense Blas Pérez, autore di una doppietta all’11’ ed all’87’ che ha regalato la vittoria alla sua nazionale, vanificando il momentaneo pareggio della nazionale andina, firmato da Juan Carlos Arce al 54′.

Il big match della giornata era sicuramente quello fra Cile ed Argentina, rivincita della finale della passata edizione che vide i padroni di casa cileni avere la meglio ai calci di rigore. A Santa Clara, però, sono stati gli uomini di Gerardo Martino, ad iniziare meglio: al 3′ un colpo di testa di Nicolás Gaitán, sostituto dell’indisponibile Lionel Messi, sfiora la traversa, mentre pochi minuti dopo è Ángel Di María a tentare un tiro che passa di poco a lato. A fare il gioco è ancora l’Albiceleste, che al 23′ ha un’altra occasione con Gonzalo Higuaín, che non riesce ad anticipare i difensori, e sul conseguente calcio d’angolo è il difensore Marcos Rojo a mettere paura a Claudio Bravo, che vede ancora il pallone andare oltre il palo. L’occasione più ghiotta capita però sui piedi di Alexis Sánchez alla mezz’ora, quando il Cile sfrutta una palla persa dall’argentina e l’attaccante del Barcellona viene fermato solo da una grande parata di Sergio Romero. In un primo tempo nel complesso dominato dall’Argentina, dunque, il punteggio resta fermo sullo 0-0.

Un tentativo dalla distanza di Marcelo Díaz apre le ostilità nella ripresa, senza però impensierire Romero. A sbloccare il punteggio è però l’Argentina con Ángel Di María: su una palla persa dai cileni nella propria metà campo, i Gauchos approfittano della situazione ed il giocatore del Paris Saint-Germain sorprende Bravo sul primo palo. Un’azione molto simile porta al raddoppio dell’Argentina al 58′: questa volta, è Di María a servire Éver Banega, che, ancora dal lato sinistro, insacca alle spalle del portiere cileno. La Roja impiega un po’ a svegliarsi dal doppio colpo subito, e prova a reagire, ma in maniera spesso confusa, con Sánchez e con il nuovo entrato Fabián Orellana. L’Argentina mette dentro Sergio Agüero, che prova a sua volta a rendersi pericoloso, mentre Rojo sfiora il tris di testa a cinque minuti dalla fine. Gli ultimi assalti cileni producono un calcio di punizione sul quale arriva il colpo di testa di José Pedro Fuenzalida, che al terzo minuto di recupero anticipa Romero e dimezza lo svantaggio, ma è l’Argentina a trionfare per 2-1.

La situazione del raggruppamento vede dunque Argentina e Panama a quota tre punti, ma il Cile non dovrebbe avere troppi problemi nei prossimi incontri, anche se la formazione dello stretto si giocherà il tutto per tutto. Dopo la sconfitta di oggi, invece, è quasi fuori dal torneo la Bolivia.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top