Canoa velocità, Europei 2016: due finali ‘olimpiche’ in meno rispetto a Racice 2015

Michele-Bertolini-Riccardo-Cecchini-canoa-velocità-foto-loro-fb.jpg

Dalle cinque finali di Racice 2015 alle tre conquistate a Mosca. Passo indietro per l’Italia nelle specialità olimpiche a Mosca. A mancare sono i risultati dei due atleti al momento più rappresentativi del movimento tricolore, gli unici capaci di centrare il pass olimpico qualche settimana fa a Duisburg. Il primo di questi è Carlo Tacchini, nemmeno sceso in acqua per un’intossicazione alimentare alla vigilia della manifestazione continentale. Sarebbe stato interessante vedere all’opera il poliziotto in una finale del C1 1000 metri caratterizzata dal ‘triello’ tra Sebastian Brendel, Serghei Tarnovschi e Martin Fuksa. 

Una manciata di centesimi hanno invece privato della finale A Manfredi Rizza. Una semifinale non brillantissima per l’ingegnere della Canottieri Ticino che non toglie nulla a quanto di buono fatto in queste settimane. A vincere in carrozza è stato il britannico Liam Heath, non più giovanissimo (classe ’84) ma parecchio competitivo nel K1 dopo gli svariati podi internazionali nel K2.

Proprio dalla barca biposto è arrivato il miglior risultato tricolore grazie ai soliti Michele Bertolini e Riccardo Cecchini. Soliti perché nonostante la giovane età, i due alfieri della Canottieri Ticino non sbagliano un colpo tra Coppa del mondo, Europei e Mondiali universitari da ormai due anni. Noni a Duisburg, gli azzurri in Russia si sono tolti la soddisfazione di chiudere ottavi davanti ai lituani bronzo in carica Aurimas Lankas-Edvinas Ramanauskas.

Progressi anche dal kayak 1000 metri dove Nicola Ripamonti e Giulio Dressino hanno riscattato la deludente prestazione di Duisburg conquistando la seconda finale di prestigio dopo quella iridata della passata stagione. Positiva anche la nona piazza nel K1 di Alberto Ricchetti, come i due colleghi delle Fiamme Gialle in crescita rispetto alle precedenti prove. In campo femminile sono arrivate invece due finali B con Irene Burgo nel K1 500 e Norma Murabito sui 200 metri.

Finali a Racice 2015

K2 200: Manfredi Rizza-Matteo Florio 6°

K1 1000: Giulio Dressino 7°

K1 500: Irene Burgo 9^

C1 1000: Sergiu Craciun 8°

C2 1000: Daniele Santini-Luca Incollingo 8°

Finali a Mosca 2016

K2 200: Michele Bertolini-Riccardo Cecchini 8°

K1 1000: Alberto Ricchetti 9°

K2 1000: Nicola Ripamonti-Giulio Dressino 9°

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top