Calcio, Europei Francia 2016: Ungheria-Belgio 0-4, le pagelle. Hazard strepitoso

Hazard-belgio-foto-twitter-uefa-euro-2016.jpg

Il Belgio accede ai quarti di finale di Euro 2016 battendo 4-0 l’Ungheria: primo tempo dominato, qualche brivido nella parte iniziale della ripresa ma nell’ultimo quarto d’ora si scatena Eden Hazard, autore di una prestazione memorabile per trascinare i Diavoli Rossi.

Le pagelle dell’Ungheria:

Király, 7.5: finché il match è aperto, tiene in vita i suoi ed evita un passivo che sarebbe potuto essere ancor più grosso. Tante parate importanti, quella sulla punizione di De Bruyne la più bella.

Lang, 4: dal suo lato arrivano le scorribande di Hazard e De Bruyne, non può nulla per arginare l’emorragia. Serataccia.

Juhász, 5: Lukaku è un brutto cliente e il centrale ungherese perde quasi tutti i duelli. Malissimo anche in occasione del gol di Alderweireld, ma sfiora il pari al 69′. Dall’82’ Bode, sv.

Guzmics, 4.5: vedi sopra, da solo l’attaccante dell’Everton costringe alla bocciatura ben due difensori rivali.

Kadar, 5: il meno peggio del reparto offensivo, semplicemente perché Mertens è meno scatenato dei compagni.

Gera, 4.5: l’esperto numero 10 dei magiari è tra i peggiori del primo tempo, e infatti non rientra in campo dopo l’intervallo. Perde un’infinità di palloni. Dal 46′ Elek, 5.5: rimedia un giallo.

Lovrencsics, 6: si fa vedere al 39′ con un missile di destro che sfiora l’incrocio.

Nagy, 5.5: in difficoltà contro il dinamismo e la qualità dei centrocampisti del Belgio.

Pinter, 5.5: offensive sterili sulla fascia di destra. Impalpabile fino a un tiro da fuori alzato in corner da Courtois. Dal 75′ Nikolics, sv.

Dzsudzsák, 6: è il giocatore ungherese di maggior talento e ha comunque il merito di provarci, creandosi spesso le occasioni da solo.

Szalai, 6.5: di testa è un pericolo costante. Sfiora il pari in un paio di occasioni.

All. Storck, 5.5: primo tempo imbarazzante, soprattutto in difesa, poi la squadra ci prova ma crolla nel finale.

 

Le pagelle del Belgio:

Courtois, 6.5: sempre attento, blinda porta e qualificazione contro un’Ungheria mai doma.

Meunier, 5.5: Dzsudzsák gli va via in più di un’occasione. E spinge poco in fase offensiva.

Alderweireld, 7: segna il gol decisivo con uno stacco imperioso. Dietro fa buona guardia.

Vermaelen, 6: buon compagno di reparto per l’autore della rete della vittoria. Fa a sportellate con Szalai con fortuna alterna.

Vertonghen, 6.5: gara positiva, lotta su ogni pallone e non disdegna le sortite in avanti.

Witsel, 6: fa il suo a centrocampo, anche se sotto porta è poco preciso.

Nainggolan, 6.5: prestazione convincente, come sempre abbina quantità a qualità.

De Bruyne, 7.5: l’assist per il vantaggio di Alderweireld, una punizione che costringe Király al miracolo e il lancio a tutto campo che permette ad Hazard di fissare il punteggio sul 3-0. Talento impressionante.

Mertens, 6: ha talento, si muove bene, ma crea molto meno rispetto ai compagni di squadra. Dal 69′ Ferreira Carrasco, 6.5: dà il suo apporto nella goleada conclusiva con la firma del 4-0.

Hazard, 8: ha trotterellato per tutta la stagione, nel suo Chelsea in grande difficoltà. Ha anche approcciato maluccio Euro 2016. Ma ora è pronto a scatenarsi: tra il 78′ e l’80’ fa due cose quasi da Pallone d’Oro. E ora vuole prendersi la vetrina anche nelle prossime sfide.. Dal 79′ Fellaini, sv.

Lukaku, 6: gioca per la squadra, crea gli spazi e agisce di sponda. Ma non tira mai in porta. Dal 76′ Batshuayi, 7: entra e segna, chiudendo la partita.

All. Wilmots, 7: e ora le critiche post Italia sono definitivamente alle spalle. Il Belgio, quando ha campo, è la miglior squadra di Euro 2016. Lecito sognare, visto anche il tabellone.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Twitter Uefa Euro 2016

Lascia un commento

Top