Calcio, Europei Francia 2016: la Germania soffre, ma l’Ucraina è battuta 2-0

CkxiryoWsAAQevh1.jpg

Si aprono con una vittoria gli Europei di Francia 2016 per la nazionale campione del mondo in carica: la Germania. I tedeschi guidati da Joachim Löw si impongono per 2-0 all’esordio nel Girone C sull’Ucraina, in un incontro comunque tutt’altro che semplice al Pierre-Mauroy di Lilla. A segno nel primo tempo Shkodran Mustafi, poi al 93′ la chiude Bastian Schweinsteiger. I tedeschi dunque raggiungono la Polonia (che nel pomeriggio si è imposta sull’Irlanda del Nord) in vetta al proprio raggruppamento.

Primo tempo davvero soffertissimo per i vincitori della competizione iridata in Brasile nel 2014. L’Ucraina, schierata con un propositivo 4-2-3-1 dal ct Fomenko prova a metter paura a Neuer e compagni. I ragazzi dell’Est Europa vanno vicini al vantaggio dopo 5′ con Konoplyanka da fuori, fermato da una plastica parata del portiere del Bayern Monaco. Al 19′ però si sblocca il risultato, la Germania va a segno (immeritatamente): assist al bacio di Kroos per la testa di Mustafi e l’ex difensore sampdoriano non sbaglia, siglando la prima rete in nazionale. Sembra esser già chiuso il discorso, invece gli ucraini non ci stanno e vanno vicinissimi al bersaglio grosso per due volte: prima con Khacheridi su azione da corner, poi su una bella azione timbrata Konoplyanka, sulla quale Boateng compie un miracolo salvando sulla linea dopo una sua deviazione. La prima frazione si chiude senza sussulti, ma con tante difficoltà per i teutonici.

La ripresa è molto più di marca tedesca: la strigliata di Löw negli spogliatoi si fa sentire e i campioni del mondo alzano subito il ritmo, pressando altissimi. L’Ucraina non ne ha più praticamente dal 60′ e i teutonici mantengono il possesso palla, provando a mettere il risultato in cassaforte quando possibile. Ci provano Draxler e Kroos dalla distanza, poi Khedira e Mueller, infine Ozil, ma Pyatov si fa trovare sempre pronto. A mancare per i tedeschi è un po’ di cattiveria agonistica, non c’è stata la voglia di andare a chiudere la partita. All’85’ rischia tantissimo la Germania, con un clamoroso retropassaggio sbagliato da Mustafi, ma Neuer riesce a rimediare. Konoplyanka e compagni provano l’assalto finale, ma si scoprono troppo e in ripartenza vengono puniti dal 3 vs 1 tedesco, fatto partire da Ozil e concluso dal neo entrato Schweinsteiger.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter UEFA Euro 2016

Lascia un commento

Top