Calcio, Europei Francia 2016: Italia-Svezia per confermarsi anche contro le “piccole”

Pellè-Bonucci-Italia-calcio-foto-twitter-uefa-euro-2016.jpg

Si sa: l’Italia del calcio, come anche l’Italia della vita, dà il meglio di sé quando l’ostacolo sembra insormontabile, quando è sfavorita, quando tutti la danno per sconfitta e invece, di puro orgoglio, prevale sull’avversario. E’ successo per l’ennesima volta lunedì scorso all’esordio a Euro 2016 contro il Belgio: 2-0 ai secondi del ranking Fifa. Chi l’avrebbe mai detto? Eppure l’Italia è silenziosa ma forte. E oggi avrà un esame ancor più importante: dimostrare di saper battere anche le squadre “piccole”, che si chiudono e non lasciano spazi per l’arma migliore degli azzurri, il contropiede.

La selezione guidata da Antonio Conte, che di certo è l’uomo giusto per evitare cali di tensione dopo l’ottima gara inaugurale, sfiderà alle 15 la Svezia a Tolosa. Zlatan Ibrahimovic e tante vecchie conoscenze della Serie A per una nazionale, quella gialloblu, che potrebbe anche dire la sua a un Europeo in cui 16 su 24 avanzano agli ottavi di finale, ma che lunedì scorso è stata sorpresa da un’Irlanda ancor più unita per l’1-1 conclusivo. Nulla di trascendentale, dunque, gli scandinavi: sarà importante arginare il talento dell’asso del Paris Saint Germain e il grosso, in difesa, sarà fatto.

Ma l’importante sarà segnare. E la storia insegna che l’Italia non ama le goleade, anzi. Nell’avvicinamento alla rassegna continentale francese Gianluigi Buffon non ha mai subito gol, vero, ma le modeste Scozia e Finlandia sono state battute “solo” 1-0 e 2-0. Faticando sempre, non tanto per le folate offensive dei rivali quanto per la costruzione di un gioco che, senza i piedi buoni di Marco Verratti e Claudio Marchisio, deve svilupparsi per lo più sulle fasce cercando la testa di Graziano Pellè. Finora la Nazionale è stata sgraziata ma efficace, oggi pomeriggio servirà però dimostrare qualcosa di più.

Non a caso, l’ultimo precedente tra Italia e Svezia, datato 18 novembre 2009 a Cesena, finì 1-0: segnò al 28′ Giorgio Chiellini, unico reduce insieme a Federico Marchetti e Antonio Candreva, un tempo promessa e adesso assoluto trascinatore di una squadra tutta grinta e forza di volontà. Era la stagione del Mondiale fallimentare di Marcello Lippi, nulla da ricordare con gioia, ma pensando al presente le previsioni consentono di ambire a un Europeo da protagonista. Anche se Svezia, e Ibra, rimandano con la mente soprattutto al 18 giugno 2004, 12 anni fa domani, con il tacco del Gigante di Malmoe antipasto del biscotto nordico di qualche giorno dopo. Vendichiamoci.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Twitter Uefa Euro 2016

Lascia un commento

Top