Calcio, Europei Francia 2016: Italia, le chiavi tattiche per battere il Belgio

Antonio.Conte_..Italia..foto_.libera.flickr.4.jpg

Nella mente di Antonio Conte. Il ct, alla vigilia dell’esordio dell’Italia a Euro 2016, domani alle 21 a Lione contro il Belgio, non ha ancora le idee del tutto chiare. Il 3-5-2 sarà il modulo prediletto, e ok. Ma rimangono dei ballottaggi.

Difesa blindata con il blocco juventino: Bonucci-Barzagli-Chiellini davanti a Buffon. Confermato anche il terzetto di centrocampisti centrali: oltre a De Rossi e Giaccherini, ci sarà Parolo che ha superato Florenzi nelle gerarchie provvisorie. Inamovibile Candreva sull’out di destra, ma poi?

La questione si fa difficile: c’è chi dice El Shaarawy a sinistra per aggredire alta la (modesta) difesa belga e chi invece, sull’esempio delle ultime amichevoli, Finlandia a parte, prevede l’utilizzo di Darmian votato al “primo non prenderle”. E anche in attacco il ct dovrà sceglierne due tra Pellè, Eder e Zaza, dato in grandissima forma negli ultimi giorni. Probabilmente i nodi verranno sciolti proprio in extremis.

CON EL SHAARAWY – Un’Italia offensiva, spregiudicata, anche lontana dal credo del tecnico pugliese il cui 3-5-2 somiglia spesso più a un 5-3-2 che a un 3-3-4. Ma le qualità per far bene sugli esterni ci sono – si è già detto molte volte come le ali siano il vero punto di forza di questa nazionale – e, soprattutto, il fortissimo Belgio di Hazard, Lukaku e compagni non brilla in difesa, dove sono previsti Ciman, Alderweireld, Vermaelen e Vertonghen. Con Pellè boa, poi, sarà fondamentale sfruttare le palle alte.

SENZA EL SHAARAWY – Solita Italia, difesa e contropiede. Darmian pronto a scalare in difesa per formare una linea a 4 che dovrà prima di tutto tenere a bada il fenomenale reparto offensivo dei Diavoli Rossi. Ovviamente, comunque, il giallorosso sarebbe pronto a entrare a gara in corso in caso di necessità. Come per altro anche Bernardeschi e Insigne, fondamentali per un eventuale passaggio al 4-3-3.

A CENTROCAMPO – E’ noto come le chiavi tattiche delle partite siano per lo più a centrocampo. Nel 3-5-2 azzurro agiranno tre interni, De Rossi in cabina di regia e Parolo (o Florenzi) e Giaccherini ai suoi due lati. Più che incontristi, incursori. Basterà per neutralizzare Wiltsel e Nainggolan nel 4-2-3-1 di Wilmots? La superiorità numerica potrebbe rivelarsi decisiva. Anche se, prima di tutto, bisognerà risparmiare energie offensive per bloccare sul nascere le iniziative del Belgio.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Flickr/libera per uso editoriale

Lascia un commento

Top