Calcio, Europei Francia 2016: il Portogallo trionfa ai rigori e vola in semifinale, onore alla Polonia

Renato-Sanches-Cédric-portogallo-calcio-foto-twitter-uefa-euro-2016.jpg

Sono i calci di rigore a decidere il primo quarto di finale agli Europei di calcio. E’ il Portogallo ad aggiudicarsi la sfida con la Polonia allo Stade Vélodrome di Marsiglia, prevalendo per 5-4 dopo i tiri dal dischetto (1-1 nei tempi regolamentari) al termine di un incontro davvero equilibrato. I lusitani, guidati da un Ronaldo tutt’altro che in forma e da un Quaresma ancora una volta decisivo, vanno al penultimo atto senza vincere neanche una partita (tre pareggi nel girone, pareggio e vittoria ai supplementari negli ottavi, pareggio e successo ai rigori nei quarti). Onore comunque ad una grande Polonia.

Primo tempo davvero emozionante, che non ha assolutamente deluso le attese. Non passano neanche 2′ e la Polonia è già in vantaggio. Grosicki sfonda sulla sinistra, con Cedric subito apparso inadatto a ricoprire quel ruolo: la palla in mezzo è perfetta ed un bomber come Robert Lewandowski non può sbagliare con il piattone. Palla all’angolino ed 1-0: prima rete in questo difficile Europeo per l’attaccante del Bayern Monaco. Il Portogallo non riesce a riprendersi e la Polonia con la coppia delle meraviglie Lewandowski-Milik, accompagnata alla grande da Grosicki e Blaszczykowsky fa davvero paura, sfiorando anche il 2-0. Ronaldo non si accende, ma a dare la svegliata ai lusitani è l’uomo che non ti aspetti: Renato Sanches. Il non ancora 19enne centrocampista, passato nell’estate al Bayern Monaco dal Benfica per oltre 35 mln di euro, si prende la squadra sulle spalle e al 33′ con una gran conclusione di sinistro mette la palla dove Fabianski non può arrivare.

Molte meno le emozioni nella ripresa. Le squadre sono molto più bloccate a metà campo, le uniche vere opportunità sono con tiri dalla distanza. Colui che ci va più vicino è Cedric, con una gran bordata di destro che sfiora il palo al 63′. La Polonia non soffre in difesa, ma non riesce neanche a ripartire prepotentemente a causa della stanchezza. La grande delusione però è sempre lui, Cristiano Ronaldo: la stella del Real Madrid non solo gioca malissimo, ma sbaglia anche un gol clamoroso davanti a Fabianski, mancando l’appuntamento con il pallone a tu per tu con il portiere polacco. Negli ultimi dieci minuti girandola di cambi, ma le due compagini si studiano in vista dei supplementari.

Gli ulteriori 30′ non danno nessun sussulto. La stanchezza prevale in entrambe le squadre, i cambi effettuati non riescono a sbloccare la situazione e i ventidue uomini in campo non affondano il colpo in vista della sfida dagli undici metri. Dal dischetto iniziano le due stelle, Ronaldo e Lewandowski, che danno il via ad una serie interminabile di rigori perfetti, fino al 4-3, quando Blaszczykowsky si fa intercettare il tiro da Rui Patricio. A decidere, così come agli ottavi con la Croazia, è Quaresma.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter UEFA Euro 2016

Lascia un commento

Top