Calcio, Europei Francia 2016: esame slovacco per il panzer tedesco, Hamsik e compagni ci credono

calcio-marek-hamsik-slovacchia-fb-marek-hamsik.png

Qualche difficoltà in fase realizzativa non ha impedito alla Germania di Joachim Löw di continuare a essere una delle grandi favorite di Euro 2016. Tra i tedeschi e i quarti di finale c’è la Slovacchia, squadra ripescata tra le migliori terze.

GERMANIA IN RODAGGIO MA VINCENTE Un gol su palla inattiva con un difensore, un altro in contropiede con un panchinaro appena entrato. A sbloccare l’attacco dei campioni del mondo ci ha pensato Mario Gomez, decisivo contro l’Irlanda del Nord. La Germania non ha di certo rubato l’occhio nelle prime tre partite del girone C. Imbrigliata dall’Ucraina, graziata da Milik con la Polonia e troppo imprecisa contro gli irlandesi sudditi di Sua Maestà. E pensare che rispetto alla trionfale cavalcata di Brasile la sistemazione tattica è variata soltanto parzialmente: fatta eccezione per il ritiro di Miro Klose, in avanti ci sono sempre Goetze, Müller e Ozil, supportati dalla coppia Kroos-Khedira. Ad aver deluso sono stati sopratutto Götze e Müller, troppe volte lontani dalla porta e incapaci di mettere in pratica quel mix di scambi rapidi e inserimenti loro marchio di fabbrica. Quel che ha funzionato alla perfezione è invece la difesa guidata da un Boateng cresciuto in maniera esponenziale e l’esperimento andato a buon fine di utilizzare da terzino destro Joshua Kimmich, nato centrocampista ma arretrato in difesa da Guardiola.

RIPETERE AUGUSTA Era soltanto un’amichevole ma un mese fa la Slovacchia riuscì a battere i campioni del mondo. Sotto di una rete, la squadra allenata da Jan Kozak ribaltò il risultato con il napoletano Marek Hamsik, Romain Duris e il milanista Juraj Kucka. Esito sorprendente che vedeva tuttavia una Germania con tante seconde linee rispetto al match di domani. Per questo motivo il piano della partita dovrebbe essere quello di difendersi ad oltranza, un po’ come avvenuto contro l’Inghilterra quando l’obiettivo (raggiunto) era stato quello di portare a casa il punto necessario per assicurarsi il passaggio del turno. Tanto dipenderà dal roccioso Martin Škrtel, il difensore del Liverpool decisivo con i suoi interventi davanti alla porta di Matus Kozacik. Un altro punto a favore di Hamsik e compagni è quello di aver eguagliato il miglior risultato della loro storia ottenuto ai Mondiali del 2010. Niente da perdere quindi e partita che comunque vada entrerà nella storia della repubblica del Centro Europa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Foto pagina facebook Marek Hamsik

 

Lascia un commento

Top