Calcio, Europei 2016: Croazia-Spagna 2-1. Perisic e Subasic eroi. Le pagelle

Croazia-Subasic-calcio-euro-2016-foto-profilo-twitter-uefa-euro-2016.jpg

La partita più bella di Euro 2016, finora. Tra Croazia e Spagna va in scena il calcio vero, tattica ma anche verticalizzazioni in campo aperto, tanta qualità in campo e un match che, oltre a decidere le gerarchie del gruppo D (balcanici primi a sorpresa, iberici secondi e attesi ora dall’Italia di Antonio Conte negli ottavi di finale), potrebbe anche ripetersi in futuro, magari con qualcosa di ben più importante in palio.

Cacic cambia molto e i suoi, soprattutto all’inizio, soffrono. La Spagna colpisce subito e il gol di Morata al 7′ è un quadro da appendere in museo, se solo si potesse, perché l’azione parte dalla difesa e l’attaccante riscattato proprio quest’oggi dal Real Madrid segna da un metro a porta libera dopo una rete di passaggi che non sono più solo fini a se stessi, ma al contrario permettono di superare uomini e addirittura interi reparti. Da urlo il taglio centrale di David Silva che ispira la Roja con il suo piede vellutato, preciso l’assist di Fabregas.

Nolito sfiora il 2-0 e la Croazia appare in difficoltà, ma ci pensano Sergio Ramos (ingenuo pallone perso, Kalinic viene poi murato da De Gea) e lo stesso portiere del Manchester United (che regala la sfera a Rakitic, traversa con una magia in pallonetto) a svegliarla. E al quarto d’ora la gara esplode. Continui colpi di scena portano al 44′, quando ancora Morata non stoppa un semplice pallone a tu per tu con Subasic. Si va dall’altra parte e Perisic scodella un cross dalla sinistra che Kalinic trasforma in rete con un tacco geniale: 1-1 al 45′.

Nella ripresa i balcanici prendono ancora più coraggio e mettono in difficoltà la difesa spagnola, sfiorando il vantaggio con Jedvaj al 57′ e lamentandosi per un rigore non concesso a Pjaca cinque minuti dopo. Al contrario, dopo un colpo di testa a fil di palo di Sergio Ramos, Silva si tocca con Vrsaljko e cade in area al 72′: dal dischetto ci va proprio Ramos, ma il suo tiro è debole e centrale e Subasic lo para.

All’87’ ultimo colpo di scena, il più emozionante: contropiede letale dei croati e Perisic buca un mal posizionato De Gea sul primo palo. La Croazia è prima, la Spagna trova l’Italia: anche l’ultimo slalom di Silva viene bloccato sulla linea di porta.

CLICCA SU PAGINA 2 PER LE PAGELLE

Lascia un commento

Top