Calcio, Euro 2016 – Bernardeschi: “Sogno di vincere. Mi ricordo il 2006, ero un bambino”

Bernardeschi-italia-under-21-calcio-foto-fb-bernardeschi-pagina-ufficiale.jpg

E’ il più giovane dei 23 italiani convocati per Euro 2016. Federico Bernardeschi, classe 1994, si è preso l’azzurro alla sua terza chiamata assoluta in nazionale maggiore. Veste la 10 della Fiorentina e per qualcuno è un predestinato. Intervenuto in conferenza stampa a Coverciano, ha parlato innanzitutto degli obiettivi per il torneo francese: “Questo Europeo per me deve essere un punto di partenza. Ho disputato una bella annata, è il coronamento di un sogno. Qualsiasi giocatore sogna di far parte della Nazionale. Non mi accontenterò di essere qui, un giocatore e una squadra devono sognare. Dobbiamo lavorare per raggiungerli, uno dei miei sogni sarebbe vincere l’Europeo e ce la metteremo tutta”.

L’Italia può davvero farcela?Questa Nazionale ha tanta qualità, ma la forza principale deve essere soprattutto la forza del gruppo – riporta Tuttomercatoweb –. Ci sono giocatori che sono qui da tanti anni e altri che sono solo all’inizio. C’è bisogno del giusto mix“. Bernardeschi giocherà con Buffon, Barzagli e De Rossi, che dieci anni fa vinsero i Mondiali in Germania. “Mi ricordo il Mondiale del 2006, ci radunammo tutti in piazza e stavamo tifando la nostra Nazione – ha detto -. Ero un bambino che impazziva durante la partite, le emozioni più belle arrivano quando riesci a vincere e tutti festeggiano insieme“.

Nato come ala offensiva, il suo idolo è Shevchenko e quest’anno, con Paulo Sousa, ha giocato da laterale destro. “Un giocatore deve adattarsi sempre agli schemi, è il suo compito – ha raccontato ai giornalisti -. Tatticamente, sull’esterno destro riesco ad adattarmi meglio. Un giorno, però, mi piacerebbe giocare trequartista. Tecnicamente mi piace giocare col pallone ma vado anche in profondità e ho una buona corsa. Conte chiede di puntare l’uomo quando sei in delle zone di campo che ti permettono di farlo e di stare collegato alla squadra in fase di non possesso. Chiede sempre di restare collegato alla squadra, anche ai calciatori più offensivi”.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Federico Bernardeschi

Lascia un commento

Top