Calcio, Copa América Centenario 2016: il Perù elimina il Brasile con un goal di mano, poker Ecuador

Calcio-Perù-Raúl-Ruidíaz.jpg

Il calendario della Copa América Centenario 2016 prevedeva quest’oggi la conclusione del programma del Gruppo B.

La giornata calcistica si è aperta al MetLife Stadium di East Rutherford, nel New Jersey, dove l’Ecuador ha affrontato la modesta compagine di Haiti, ancora alla ricerca del suo primo punto. Gli ecuadoregni hanno subito iniziato all’arrembaggio, e, proprio quando i caraibici hanno provato a mettere il naso fuori dalla propria area di rigore, Enner Valencia ha realizzato la rete del vantaggio all’11’ su un’azione innestata da Christian Noboa. Lo stesso Valencia si è trasformato in assist-man al 20′, quando ha permesso a Jaime Ayoví di raddoppiare per l’Ecuador. Al 28′ Mechack Jérôme rischia di accorciare le distanze colpendo la traversa sull’unica vera occasione di Haiti, mentre dall’altro lato è Frickson Erazo a centrare il sostegno orizzontale della rete. Ad inizio ripresa Duckens Nazon si procura un’occasione per Haiti, ma tira addosso al portiere ecuadoregno Alexander Domínguez. A prendere in mano le redini del gioco è però ancora l’Ecuador, che sfiora il tris con un tiro di Juan Cazares respinto sulla linea di porta, mentre i caraibici puntano soprattutto sulle palle inattive. Al 57′ è Christian Noboa a mettere a segno il 3-0 su un suggerimento di Jonathan Montero, mentre il definitivo poker viene realizzato da Antonio Valencia al 77′, servito dall’omonimo Enner.

Con l’Ecuador oramai qualificato matematicamente, la sfida di Foxborough (Massachusetts) si è trasformata in un vero e proprio spareggio per il passaggio del turno tra Brasile e Perù, entrambe con quattro punti prima dello scontro diretto, ma con i brasiliani avvantaggiati dalla differenza reti. La prima grande occasione dell’incontro è verdeoro, con Filipe Luis che al 12′ impegna il portiere avversario, Pedro Gallese, dalla distanza. L’estremo difensore peruviano ripete il miracolo al 27′ su Gabriel, mentre dieci minuti più tardi è Willian a tirare alto. La ripresa si apre nel segno del Perù: al 49′, Christian Cueva tira un calcio di punizione dal limite che chiama in causa il portiere della Seleção, Alisson. La svolta del match arriva al 74′, quando il Perù segna la rete del vantaggio: l’arbitro convalida il goal, poi lo annulla e si prende una lunghissima pausa, alla fine lo convalida di nuovo, ma il replay mostra un netto tocco di mano da parte di Raúl Ruidíaz. Da allora in campo vigerà il caos: il Brasile tenta di trovare il pareggio in tutti i modi possibili, ma Gallese risponde ancora presente ed il punteggio resta di 1-0 al termine dei sei minuti di recupero. Il Perù, dunque, si qualifica non senza polemiche ai quarti di finale alle spese dei pentacampioni mondiali, che non batteva dal 1985.

Con il Brasile fuori dal torneo, saranno dunque Perù ed Ecuador a sfidare rispettivamente Colombia e Stati Uniti ai quarti di finale. Domani, invece, sarà in programma l’ultima giornata del Gruppo C, con il Messico ed il Venezuela che si disputeranno il primo posto, mentre l’Uruguay e la Giamaica, entrambe eliminate, giocheranno per l’onore.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top