Boxe, preolimpico mondiale Baku 2016: Vianello vola a Rio, niente da fare per Picardi e Cavallaro

Boxe-Guido-Vianello-FPI3.jpg

Quest’oggi si conclude il torneo mondiale di qualificazione olimpica (TQO) di Baku, in Azerbaijan, penultima prova utile per ottenere i pass per i Giochi Olimpici di Rio 2016.

Interamente dedicata alle finali di tutte le dieci categorie di peso, la giornata odierna ha visto la metà dei match in programma svolgersi nella sessione mattutina. vedrà combattere l’unico azzurro ancora in lizza nel torneo azero, il supermassimo Guido Vianello (+91 kg), che, dopo aver battuto in semifinale lo statunitense Marlo Moore, ha incontrato il forte irlandese Dean Gardiner, numero uno del tabellone, reduce dalla vittoria ai punti sul moldavo Alexei Zavatin. Una finale cruciale, poiché nei pesi supermassimi era in palio a Baku un solo pass olimpico, riservato al vincitore della medaglia d’oro. Ad uscire vincitore è stato proprio l’azzurro, che si è imposto ai punti con verdetto unanime da parte dei giudici.

Dovevano sperare dagli spalti Vincenzo Picardi (52 kg) e Salvatore Cavallaro (75 kg), costretti a fare il tifo per i pugili che li hanno eliminati, in quanto solamente con una vittoria di questi due atleti avrebbero potuto ottenere il pass. Picardi ha guardato il match dello statunitense Anthony Vargas, che però è stato sconfitto dal bulgaro Daniel Asenov, mentre Cavallaro non ha avuto nessuna possibilità, dato che il turkmeno Arslanbek Achilov ha dichiarato forfait per la finale che avrebbe dovuto disputare contro l’irlandese Michael O’Reilly.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: FPI

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top