Boxe, preolimpico Baku 2016: Vianello fa il salto di qualità, delusione per gli altri

Boxe-Guido-Vianello-FPI5.jpg

L’Italia esce dal torneo mondiale di qualificazione olimpica (TQO) di Baku, in Azerbaijan, con un solo pass conquistato su sei categorie nelle quali erano presenti i pugili azzurri. Ad ottenere la qualificazione per i Giochi di Rio 2016 è stato il peso supermassimi Guido Vianello, erede designato del plurimedagliato Roberto Cammarelle tra i +91 kg.

Il ventiduenne veniva considerato già da tempo come una grande promessa del pugilato azzurro, ma è forse proprio in questo torneo che Vianello ha effettuato il suo salto di qualità. Ne è la dimostrazione la bella vittoria in finale sull’irlandese Dean Gardiner, pugile ben più esperto dall’alto dei suoi ventotto anni, che proprio a Baku lo aveva sconfitto in occasione dei Giochi Europei 2015. Ora resterà da valutare il valore del supermassimo nato a Roma in un contesto di livello assoluto come quello olimpico, dove naturalmente saranno presenti tutti i migliori del mondo.

Alla nota più che positiva della qualificazione di Guido Vianello, sopraggiunta oltretutto in una categoria che metteva in palio un solo pass, fanno da contraltare le prestazioni non esaltanti di altri pugili. Pensiamo soprattutto a Domenico Valentino (60 kg), che puntava alla sua quarta partecipazione olimpica consecutiva, ma il cui percorso si è arrestato già agli ottavi di finale, seppur contro un atleta di livello come il tagiko Anvar Yunusov. Si poteva sperare in una qualificazione anche da parte del peso medio Salvatore Cavallaro (75 kg), altro pugile considerato, insieme a Vianello, come un grande prospetto futuro: un match equilibrato con il turkmeno Arslanbek Achilov ne ha però fermato il percorso ai quarti di finale.

Altro veterano della squadra azzurra, Vincenzo Picardi ha subito una sconfitta un po’ meno dolorosa, in quanto subita con l’emergente statunitense Anthony Vargas. Prevedibili, infine, le eliminazioni di Riccardo D’Andrea (56 kg) e Donato Cosenza (64 kg), in linea con i risultati ottenuti di recente.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top