Boxe: Emiliano Marsili, malato, rinuncia al match iridato. Possibilità olimpica?

Boxe-Emiliano-Marsili.jpg

Emiliano Marsili non combatterà per il titolo mondiale. Malato, il trentanovenne di Civitavecchia ha dovuto dunque rinunciare al match previsto per il prossimo 11 giugno nel quale avrebbe dovuto combattere per il titolo WBC ad interim dei pesi leggeri, lasciato vacante dal venezuelano Jorge Linares, contro il montenegrino Dejan Zlatičanin.

Febbre alta e vomito hanno colpito Marsili negli ultimi giorni, impedendogli di preparare un incontro importantissimo, che avrebbe rappresentato il coronamento di una carriera nella quale ha a lungo detenuto il titolo europeo dei pesi leggeri.

Impossibile, in questo momento, dire quale sarà il futuro di Marsili, oramai privo di titoli da difendere, e per il quale difficilmente potrebbe esserci una nuova chance di combattere per un titolo mondiale a breve termine. Suggestiva, invece, la possibilità di puntare alle qualificazioni olimpiche, grazie alla decisione dell’AIBA di ammettere i pugili professionisti a Rio 2016 (clicca qui per saperne di più), anche se il laziale dalle trantadue vittorie ed un pareggio potrebbe trovare spazio solo se una fra la categoria 60 kg e la 64 kg dovesse restare scoperta per l’Italia al termine del torneo qualificativo di Baku.

Zlatičanin, nel frattempo, non combatte da un anno, visto che da allora i suoi avversari hanno sempre rinunciato all’ultimo al combattimento. Secondo lo staff del montenegrino, gli altri pugili sarebbero spaventati dal suo score di ventuno vittorie di cui 14 per KO, ed in particolare dalla sua ultima vittoria per KO in quattro round contro l’ucraino Ivan Redkach.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top