Volley, Qualificazione Olimpiadi 2016 – Italia, stanotte la Corea del Sud: le asiatiche ai raggi X

Corea-del-Sud-volley.jpg

VOLLEY, QUALIFICAZIONE OLIMPIADI 2016 – ITALIA, STANOTTE LA COREA DEL SUD: LE ASIATICHE AI RAGGI X

La Corea del Sud è spesso un oggetto misterioso. Il campionato locale è in grande crescita, anche per merito di giocatori stranieri di grande caratura che venga pagati profumatamente. La Nazionale, però, non è spesso considerata tra le grandi del circuito, spesso erroneamente.

Le ragazze di Lee Jungchul sono reduci da una Coppa del Mondo molto deludente e da un precedente Mondiale poco convincente ma nel torneo di qualificazione alle Olimpiadi 2016 possono fare molto bene e hanno tutte le carte in regola per strappare un pass a cinque cerchi.

La partita di questa notte contro l’Italia assumerà una valenza cruciale nel prosieguo del torneo preolimpico: una vittoria contro le ragazze di Bonitta potrebbe valere una seria ipoteca su Rio 2016.

Il gioco delle asiatiche è noto e chiaro. Si basano su una difesa strenua, non mollano un colpo, prima di far cadere un pallone nella loro metà campo sputerebbero sangue. Si distinguono per la loro superlativa forma fisica e per l’instancabilità di tutte le giocatrici.

Se la ricezione e la difesa sono i punti di forza delle ragazze in rosso, non è comunque da sottovalutare la fase offensiva che utilizza molto pallonetti e mani fuori.

L’individualità di spicco è ovviamente Kim Yeon-Koung, schiacciatrice fenomenale e mondiale, MVP alle Olimpiadi 2012 e micidiale in tutti i contesti in cui ha partecipato. La squadra si aggrapperà ai suoi attacchi e al suo estro carismatico, capace di trascinare tutte le compagne e di prendersi grandi responsabilità.

Rispetto alle ultime manifestazioni hanno cambiato entrambe le palleggiatrici, attenzione anche Kim Hee-Jin, Park Jeong-An e Bae Yoo-Na: tre giocatrici che possono rivestire due ruoli (schiacciatrici/opposto e centrali), mandando magari in bambola le azzurre.

 

Lascia un commento

Top