VIDEO – Nuoto, Europei Londra 2016: rimonta di Turrini, da quinto a terzo nei 400 misti

Federico-Turrini-nuoto-foto-fin-deepbluemedia.jpg

Ecco il video della gara di Federico Turrini, bronzo nei 400 misti agli Europei di Londra con una grande rimonta a stile libero. Immagini RaiSport:

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

2 thoughts on “VIDEO – Nuoto, Europei Londra 2016: rimonta di Turrini, da quinto a terzo nei 400 misti”

  1. Gabriele Dente scrive:

    Indubbiamente è bel risultato. Ma, visto che a parte Paltrinieri e Pellegrini (e forse Detti e Dotto), gli altri atleti sono “normali” e non riescono a mantenere a lungo lo stato di forma, non sarebbe meglio spostare i nostri trials e farli coincidere con appuntamenti più vicini all’Olimpiade, a partire proprio dall’Europeo?

    1. ale sandro scrive:

      Secondo me no, perché hanno palesato troppo spesso dei limiti in questo particolare. E ci vuole tanto tempo per imparare da altre nazioni, considerando anche che non abbiamo il loro stesso livello medio di atleti.
      Uno dei problemi di Londra 2012 fu proprio il fatto che quattro anni fa con soli due mesi giusti giusti di intervallo da Europei a Giochi , gran parte se non quasi tutti gli azzurri resero nettamente al di sotto, dopo degli europei tutto sommato anche buoni dal punto di vista cronometrico,dove i nostri si presentarono direi al massimo della forma per cercare il tempo di qualificazione. A Londra in molti non seppero ripetersi né avvicinarsi.
      Va detto che qui ci sono due settimane in più di spazio, un po’ come accadeva un tempo, quando si vinsero medaglie olimpiche e ci fu il tempo di avere più picchi di forma adeguati all’evento.
      Le punte chiaramente hanno tutto per andare forte a prescindere, anche perchè qui si sono giustamente presentate non al massimo.
      Secondo me stavolta hanno fatto bene anche le seconde linee a non presentarsi al meglio. O almeno spero abbiano fatto così. L’obbiettivo assoluto sono i Giochi, come abbiamo sempre detto e ripetuto, e anche cercare tempi al Settecolli lo trovo un po’ tardivo proprio per il mantenimento della forma ideale. Eccezione fatta per prestazioni da primi 8 stagionali e ben dentro il minimo A , o nel caso di atleti come Orsi, in ritardo di preparazione per malattia/infortunio che cercano il tempo per una staffetta. Ma si tratterebbe di casi eccezionali.
      Se ci fossero stati 3 mesi e più , come a Eindhoven 2008 per esempio, avrei sottoscritto in pieno il tuo discorso.
      Per me l’ideale sarebbe dare sia un occhio agli Assoluti e uno agli altri meeting e manifestazioni (europeo nell’anno olimpico compreso) per ottenere il tempo , però fino ad almeno due mesi e mezzo prima del grande evento. Dopo , solo in caso di prestazioni da primissimi delle liste stagionali.

Lascia un commento

Top