Taekwondo, Europei 2016: inizia un nuovo corso per l’Italia. Tanti giovani per rinascere

Erica-Nicoli-Taekwondo-Pagina-FB-Nicoli-fans.jpg

Il nuovo corso del taekwondo azzurro riparte dagli Europei di Montreux. Smaltita la delusione per non aver qualificato nessun atleta ai Giochi Olimpici di Rio, il movimento italiano incomincerà in Svizzera un lungo percorso che avrà come obiettivo finale Tokyo 2020.

Nella rassegna continentale in programma dal 19 al 22 maggio (qui il programma) il capitano della squadra sarà Claudio Treviso, il siciliano dell’Esercito che ha detto la sua sul sito 2out.it:

“Abbiamo conosciuto come gruppo momenti di indubbia difficoltà con le recenti scomparse del presidente federale dottor Park Sun Jae e di Cristiana Corsi, tecnico nazionale della FITA per le squadre giovanili. Pur essendo agli esordi nei senior , abbiamo trovato gli stimoli per reagire ed andare avanti, siamo consapevoli che la nostra età è forse un fattore ‘debole’ per l’immediato, ma sicuramente ‘forte’ per il futuro. A questo Europeo saranno presenti tutte le nazioni più forti a livello internazionale, ma noi non siamo in soggezione, anzi, ci sentiamo allo stesso livello dei migliori. Ci siamo purtroppo giocati male l’opportunità di Rio ma il nostro rimane comunque un gruppo affiatato, la FITA è un punto di riferimento e guida semplicemente insostituibile, il clima ed i rapporti umani, fattori importantissimi, sono caratterizzati da una grandissima sinergia. Un mio personalissimo auspicio per Montreux? Che tutti tornino a casa consapevoli di aver dato il loro massimo: il nostro è uno sport ‘situazionale’, le vittorie sono da mettere in conto così come le sconfitte, ma se questa consapevolezza ci avrà guidati, beh, penso che anche le medaglie non potranno mancare”. 

Il capitano siculo guida una folta schiera di giovani in cui spiccano Erica Nicoli, Roberto Botta e Licia Martignani, i tre atleti che hanno cercato insieme a Molfetta di portare l’Italia a Rio nel torneo di Samsun. Obiettivo fallito ma che non ha tolto nulla al valore di questi atleti plurivincitori a livello junior e subito competitivi tra i senior.

A proposito di italiani dominanti nelle categorie giovanili, fa piacere rivedere tra i convocati dopo l’infortunio al ginocchio Davide Spinosa. Il mesagnese completa un quintetto giovanissimo che comprende il già citato Botta, Antonio Flecca, Simone Crescenzi e Matteo Milani. Quest’ultimo è il prospetto più interessante tra i tanto cari pesi massimi; 20enne di Bergamo, dopo una brillante carriera condita da titoli mondiali ed europei nella kickboxing, Milani avrà la possibilità di crescere sotto la guida di Basile e Molfetta, entrambi presenti alla manifestazione nelle vesti rispettivamente di allenatore e team manager. Attenzione naturalmente anche al settore femminile in cui spiccano le due new entry Laura Giacomini e Natalia D’Angelo, regine dei Campionati europei junior disputatisi in Lituania.

Gli azzurri convocati

Donne
TORTORELLA Maddalena – 46 kg
NICOLI Erica – 49 kg
SALSEDO Jessica – 53 kg
MARTIGNANI Licia – 57 kg
D’ANGELO Natalia – 62 kg
ROTOLO Daniela – 62 kg
RIZZELLI Cristiana – 67 kg
SMIRAGLIA Maristella – 73 kg
GIACOMINI Laura + 73 kg
Uomini
FLECCA Antonio – 54 kg
CRESCENZI Simone – 63 kg
SPINOSA Davide – 68 kg
TREVISO Claudio – 74 kg
BOTTA Roberto – 80 kg
MILANI Matteo – 87 kg

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top