Rugby – Italia, al via l’era O’Shea: “Sarà un lavoro stimolante. Vogliamo dare identità”

Conor-O-Shea_rugby_Twitter-FIR.jpg

Con la conferenza stampa tenutasi ieri a Milano, alla presenza anche del presidente della FIR Alfredo Gavazzi, Conor O’Shea ha aperto ufficialmente la sua avventura sulla panchina dell’Italrugby.

Un viaggio che il tecnico irlandese, il quale debutterà nei test-match di giugno contro Argentina, Canada e USA, si aspetta essere molto produttivo anche e soprattutto in ottica futura: “Non ho dubbi circa il potenziale della squadra che guiderò e, più in generale, del rugby italiano. Vogliamo dare a questo gruppo ed al nostro gioco una propria identità, un proprio stile di gioco e fare sì che diventi la miglior Nazionale italiana di tutti i tempi. Il primo obiettivo è porre le basi per far sì che questo potenziale possa esprimersi e tramutarsi in risultati”.

Conor O’Shea non sarà però da solo nel suo nuovo incarico: sarà infatti spalleggiato da Mike Catt, che si occuperà dell’attacco, delle skills e dei calciatori, e da Stephen Aboud, una pedina ritenuta assai importante visto che avrà il compito di lavorare con tutte le componenti tecniche delle Accademie Federali; al fine di migliorare le competenze del settore degli allenatori e di estendere la base di giocatori da cui poter attingere per creare una squadra che –  parola di O’Shea – sia ricordata da tutti come la migliore della storia dell’Italrugby.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top