Rio 2016, Rivaldo avverte: “Non venite in Brasile o rischiate di essere uccisi”

Piscina-olimpica-Rio-2016-tuffi-Maria-lenk-aquatic-center-foto-fb-carlo-dibiasi-tuffi.jpg

Il Brasile, in questi giorni, è scosso dall‘omicidio di una 17enne assassinata a Rio de Janeiro, casa delle prossime Olimpiadi. E Rivaldo, ex fuoriclasse del calcio mondiale con la gloria al Barcellona e un passato non troppo esaltante anche al Milan, ha denunciato la notizia sui propri social network invitando a non raggiungere il proprio paese per i Giochi a causa del rischio di essere uccisi.

Questa mattina alcuni banditi hanno ucciso questa ragazza – si legge nel messaggio, tradotto da La Gazzetta dello Sport -. Le cose più brutte accadono sempre in Brasile. Io consiglio a tutti coloro che intendono visitare il Brasile o venire all’Olimpiade di Rio, di restare a casa. Qui siete a rischio di essere uccisi. Per non parlare degli ospedali pubblici che non sono in grado di garantire un’assistenza adeguata e della situazione politica caotica. Solo Dio può cambiare la situazione del nostro Brasile“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @Fcaligaris

Foto da: pagina Facebook DiBiasi tuffi

Tag

Lascia un commento

Top