Pentathlon: alla scoperta di Elena Micheli. La grande speranza azzurra dei Cinque Sport

Elena-Micheli-3.jpg

Oltre ad essere l’Eterna Capitale del Bel Paese, Roma è sempre stata anche la capitale del pentathlon moderno azzurro. All’ombra del Colosseo sono nati i vari Daniele Masala, Carlo Massullo, Pierpaolo Cristofori, Mauro Prosperi, Gianluca Tiberti, Roberto Bomprezzi, Andrea Valentini, Claudia Corsini, Sara Bertoli (parliamo di un passato più o meno recente impreziosito da medaglie e medaglie: olimpiche, mondiali, europee, nazionali…); fino ad arrivare al presente chiamato Riccardo De Luca, Pier Paolo Petroni, fratelli Colasanti, Gloria Tocchi, Claudia Cesarini, sorelle Tognetti. E il futuro? Anche gli anni del pentathlon italiano che verranno sembrano destinati a percorrere le strade che portano…a Roma.

Elena Micheli è infatti uno dei più interessanti profili mondiali a livello giovanile (anche suo fratello Roberto Micheli è in forza alla S.S. Lazio, ndr). La promettente pentatleta azzurra, sui cui sta già puntando forte la FIPM, ha compiuto da pochi giorni 17 anni ed è una delle più giovani concorrenti di sempre che abbiano mai preso parte al circuito internazionale senior dei Cinque Sport.

Elena è entrata a far parte nel 2005 della sezione pentathlon della S.S. Lazio. Questi i suoi primi piazzamenti importanti: 12° posto individuale nelle qualificazioni europee delle Olimpiadi giovanili (2013); 4° posto individuale nei Campionati europei Youth B, Campionessa europea Youth B nella staffetta femminile, 17° posto individuale nei Campionati del Mondo Youth A, 11° posto individuale nei Campionati europei Youth A, nel 2014; l’anno scorso, 33° posto individuale nei Campionati europei Junior del 2015, 9° posto individuale nei Campionati europei Youth A, 13° posto individuale nei Campionati del mondo Youth A, 4° posto nella staffetta femminile nei Campionati del mondo Youth A, 3° posto nella staffetta femminile nei Campionati europei Youth B, 2° posto nella staffetta mista nei campionati europei Youth B, Campionessa europea individuale Youth B.

Ma è il 2016 l’anno della consacrazione nel “giro dei grandi”, per la teenager capitolina, giovane sì ma con la testa ben salda sulle spalle, decisa e precisina fino all’ossesso…

“Ho conosciuto il mondo del pentathlon all’età di sei anni, quasi per caso, nuotando nella piscina dove lavorava un allenatore amico di mia madre, che ora è il mio coach; l’ho sempre ritenuto qualcosa di secondario rispetto agli studi che avrei voluto intraprendere in futuro. Nonostante ciò, non ho mai smesso di praticarlo con interesse e massimo impegno, anche perché i sacrifici fin qui fatti sono stati tanti, soprattutto da parte dei miei genitori. Dopo la convocazione per le qualificazioni europee alle Olimpiadi giovanili, per me prima gara internazionale, ho iniziato ad appassionarmi e crederci sempre più… Col passare degli anni, andare a scuola (frequenta il Liceo Classico, ndr) e praticare il pentathlon a certi livelli ha richiesto sempre più sacrifici, ma anche grazie alla comprensione/disponibilità di professori e tecnici è stato possibile conciliare quasi tutto”. Ci ha raccontato.

Quest’anno Elena Micheli ha preso parte a due tappe di Coppa del Mondo ed alla finale, appena conclusasi, andata in scena a Sarasota, Florida. L’esordio stagionale in C.d.M. non poteva essere migliore, quasi da sogno: nella sua Roma, qualificazioni superate brillantemente e 17° posto conclusivo, con 1304 punti e percorso netto nell’equitazione. Due settimane dopo, a Kecskemét (Ungheria), la liceale romana ha riottenuto l’accesso all’atto finale: 31^. Lo scorso weekend, infine, Elena ha avuto il grande privilegio di disputare la prima finale di Coppa del Mondo della sua carriera: 21^ e gara conclusa, in crescendo, davanti alla ben più esperta Alice Sotero, unica azzurra già certa di volare a Rio de Janeiro…

“La mia prima medaglia individuale l’ho ottenuta al Campionato europeo Youth B non meno di un anno fa e venerdì scorso mi sono ritrovata a disputare la finale di Coppa del Mondo senior… Direi che è tutto fantastico! Posso ancora accumulare tanta esperienza, partecipando a gare di tutte le categorie. Mi è stata concessa un’occasione unica, che sono contenta di aver ricevuto”. Ha continuato la Micheli.

Sembra stia sognando ad occhi aperti, la piccola grande Elena, ragazza dal nome epico e i natali storici. Ancora un po’ lontana dalla maturità scolastica, ma vicina a quella sportiva. Sicuramente già pronta a partire da quella Roma capitale del pentathlon moderno azzurro per raggiungere vette globali elevatissime…

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: archivio privato Elena Micheli

giuseppe.urbano@oasport.it

Lascia un commento

Top