Pallanuoto: Pietro Figlioli ed il figlio aggrediti con un coltello sul lungomare di Recco

pro_recco_pietro_figlioli_4-H130502091408-0361.jpg

Ha dell’incredibile ciò che è avvenuto sul lungomare a Recco dove il giocatore della Pro Recco e della Nazionale di Sandro Campagna Pietro Figlioli è stato vittima di un’aggressione, insieme a suo figlio di un anno, mentre passeggiava con il proprio cane. Figlioli, suo malgrado, è stato colpito da un coltello al mento, nel momento in cui un’altra persona, con cane al seguito, dopo che i due animali sono venuti a contatto, si è letteralmente scagliata contro il pallanuotista. A seguito del ferimento dell’atleta, l’aggressore è scappato, gettando il coltello nel torrente, ma è stato inseguito e circondato da alcuni testimoni che hanno assistito alla scena. L’uomo è stato bloccato e poi consegnato ai carabinieri. Successivamente la Pro Recco ha diffuso un comunicato stampa spiegando che: “Il giocatore del Settebello e della Pro è stato ferito al mento, mentre per fortuna il piccolo non è stato sfiorato. L’aggressore dopo il terribile atto ha gettato l’arma nel torrente e ha tentato la fuga; immediatamente fermato da chi ha assistito alla scena, l’uomo, è stato prelevato dai carabinieri della stazione di Camogli, mentre Figlioli è stato accompagnato presso i locali della Croce Verde di Recco dov’è stato immediatamente medicato”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: fonte Pro Recco

Tag

Lascia un commento

Top