Nuoto, Europei Londra 2016: Dotto e Magnini ok nei 100 sl. Il capitano: “Mi rivedo in Carini”

Luca-Dotto-nuoto-foto-gian-mattia-dalberto-lapresse-arena.jpg

Luca Dotto (5°) e Filippo Magnini (14°) sono in semifinale nei 100 stile libero agli Europei di Londra. 48”68 per il primatista nazionale, ormai entrato in una nuova dimensione, più sicura e vincente, 49”25 per il veterano che anticipa Luca Leonardi (49”37) e Jonathan Boffa (49”99) per il secondo pass nei migliori 16. Comanda il francese Clement Mignon in 48”40: si preannuncia una gara equilibratissima.

Ho gestito la batteria molto bene, sapevo di poterla fare tranquillo e senza troppe tensioni – le parole del veneto a RaiSport -. Ho controllato la bracciata, morbida, non ho mai spinto. E’ venuto fuori un bel tempo. Vediamo oggi pomeriggio“.

Stavo molto bene in acqua, ho fatto meglio degli Assoluti – commenta Re Magno -. Dovevo rompere il ghiaccio e ho raggiunto il primo obiettivo. Il tempo non mi dispiace, ho nuotato bene tecnicamente. Ho spinto nei secondi 50, ma forse un po’ troppo tardi. Ho cercato di andare in progressione e in effetti non sono stanchissimo muscolarmente. E’ il primo 100 che faccio dopo Riccione in cui non arrivo stanco. Prima dopo la virata morivo. 49”2 al mattino non è male male per me. Oggi devo abbassare due decimi (per la staffetta olimpica, ndr), penso di posso farlo. Andrò a sciogliermi, posso migliorare“.

Infine, un commento sull’Italia in generale. Promosse le nuove leve: “Siamo forti. Anche i giovani hanno voglia di far bene, penso a Giacomo Carini (oggi in finale nei 200 farfalla, ndr), che dopo una semifinale stupenda si è messo a cena a rivedere la gara e i passaggi da solo. E’ una dimostrazione di personale. Mi ci rivedo molto“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: LaPresse/Gian Mattia D’Alberto/ufficio stampa Arena Italia

Lascia un commento

Top