Nuoto, Europei 2016: doppietta in vista? E Detti prova ad avvicinarsi a Paltrinieri nei 1500 sl

Detti-Paltrinieri-nuoto-foto-fin-dpm.jpg

In proporzione, probabilmente sta meglio Gabriele Detti, rispetto a Gregorio Paltrinieri, a questi Europei di Londra. E il perché è semplice: c’erano i 400 stile libero da onorare e provare a vincere, e così è stato, grazie anche all’assenza del favorito britannico James Guy.

Greg da mesi, ormai, pensa solo a Rio 2016; Detti sa che per arrivare alle Olimpiadi da potenziale contender ha prima bisogno di rinforzare il suo nome a livello internazionale. Così, nella finale dei 1500 sl che aprirà il programma di stasera, la doppietta azzurra sembra scontata, ma più che il tempo del campione del mondo (comunque già velocissimo in batteria), sarà interessante rilevare quello del gemello che in questa stagione ha sempre migliorato di due secondi il proprio record personale sulla distanza più lunga.

Ieri entrambi si sono “riscaldati”: 14’46”81 per l’emiliano, 14’58”56 per il toscano. Normale amministrazione. Il rivale più agguerrito sembra poter essere il norvegese Henrik Christiansen, classe 1996, un altro rappresentante del mezzofondo giovane che ha ormai cancellato dalla memoria storica Grant Hackett e Oussama Mellouli e che punta a mettersi definitivamente alle spalle anche Sun Yang, che pure è solo 24enne. Non è a Londra, ma il tedesco Florian Wellbrock, classe 1997, farà a lungo parlare di sé in futuro. Come già è una certezza, del resto, l’australiano del ’96 Mack Horton, autore del miglior tempo mondiale stagionale e grande amico proprio di Paltrinieri. Resistono i veterani Ryan Cochrane e Pal Joensen, mentre in ottica Rio fa paura anche Connor Jaeger, coetaneo del misterioso cinese.

Oggi lotteranno per il podio il ceco Jan Micka (1995) e l’ucraino Mykhaylo Romanchuk (1996), ma molto probabilmente rimarranno distanti dai due azzurri. Greg ieri ha dichiarato di non poter ambire al record del mondo (14’31”02), anche se a dir la verità pure a Netanya il profilo basso portò poi in dote un incredibile WR. Il focus dell’emiliano era, è e rimarrà, comunque, solo il Brasile. Detti potrebbe stupire ulteriormente: quanto vale veramente il Nipote? Lo scopriremo stasera.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top