New York Times: “Doping programmato per la Russia a Sochi 2014”. Spuntano i primi nomi…

l5679768.jpg

Grigory Rodchenkov, Direttore del laboratorio antidoping durante le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014, ha affermato al New York Times che 15 medagliati di nazionalità russa facevano parte di un programma di doping statale studiato meticolosamente per anni con l’obiettivo di dominare i Giochi.

Stando alle dichiarazioni, sarebbe stato lo stesso Rodchenkov a mettere a punto un cocktail di tre farmaci di sostanze vietate che venivano mescolate con il liquore e forniti a dozzine di atleti.

Di notte gli esperti antidoping russi e i membri dell’intelligence avrebbero sostituito i campioni di urina contaminati con provette di urina pulita raccolti nei mesi precedenti.

Per il momento si sono fatti solo i nomi di Alexander Zubkov (vincitore di due medaglie d’oro nel bob), di Alexander Legkov (un oro e un argento nel cross-country) e di Alexander Tretyakov (un oro nello skeleton).

 

 

Lascia un commento

Top