Lotta, Rio 2016: Timoncini salva ancora la scuola italiana

Lotta-Daigoro-Timoncini-FB.jpg

Per la terza edizione consecutiva dei Giochi Olimpici, Daigoro Timoncini sarà presente nella rassegna a cinque cerchi. Il greco-romanista faentino della categoria 98 kg ha dovuto faticare fino all’ultimo torneo per ottenere il pass per Rio 2016, ma alla fine è riuscito ad ottenere, nell’arena di Istanbul, questo risultato storico per un lottatore azzurro. Unico rappresentante italiano a Londra 2012, Timoncini terrà ancora alta la bandiera della scuola nazionale, visto che per il resto i tre tornei di qualificazione olimpica (TQO) hanno dimostrato ancora la posizione dell’Italia nelle gerarchie internazionali, ovvero molto distante dai vertici, con un gran numero di eliminazioni al primo incontro.

Da questo discorso escludiamo volontariamente il fenomeno Frank Chamizo, campione mondiale di lotta libera nella categoria 65 kg, e qualificato alle Olimpiadi già dalla sua vittoria iridata di Las Vegas 2015. L’atleta cubano ha portato in maniera prorompente l’Italia sui podi internazionali grazie al suo talento, ma, come sottolineiamo sempre, si tratta di una manna caduta dal cielo e non del frutto della scuola italiana. Grandissimo dunque Chamizo, che ha tutte le possibilità per vincere una medaglia – anche quella più pregiata – in Brasile, ma onore a Daigoro Timoncini, certamente il miglior prodotto della lotta nazionale dopo l’epopea di Andrea Minguzzi.

Dopo Rio 2016, dunque, l’Italia dovrà tornare a rimboccarsi le maniche: a trent’anni, Timoncini difficilmente deciderà di affrontare altri quattro anni in vista di Tokyo 2020, a meno che non decida di puntare alla quarta qualificazione olimpica per eguagliare il record del suo maestro Vincenzo Maenza, mentre Chamizo non può essere utilizzato come uno specchietto per allodole che nasconda lo stato in cui versa la lotta azzurra. Ben vengano i successi dell’italo-cubano, ma di fatto da Londra 2012 a Rio 2016 l’Italia della lotta non ha fatto registrare miglioramenti, nonostante siano passati quattro anni. Probabilmente è arrivato il momento di ripartire da zero in vista del prossimo quadriennio, anche se non è detto che questo arco di tempo sia sufficiente per risollevare uno sport che dopo Pechino 2008 ha registrato un calo costante ed inesorabile.

Se è vero che aver compagno al duol scema la pena, bisogna comunque ricordare che c’è anche chi ha fatto peggio dell’Italia: la Francia, in particolare, avrà a Rio 2016 solamente due atleti, nonostante una squadra sulla carta ben più competitiva e titolata di quella azzurra. Atleti medagliati a livello internazionale, come il campione mondiale 2014 di greco-romana Mélonin Noumonvi (85 kg), hanno fallito totalmente, e per la prima volta nella storia dei Giochi nessun greco-romanista francese sarà alle Olimpiadi.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: Daigoro Timoncini (Facebook)

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top