Live – Giro d’Italia 2016 in DIRETTA: Modena-Asolo. Ulissi concede il bis! Jungels incrementa!

Valverde-Pier-Colombo-e1461576055404.jpg

Buongiorno e benvenuti alla Diretta Live dell’undicesima tappa del Giro d’Italia, da Modena ad Asolo. E’ una frazione lunga ben 227 km. I primi 200 km sono completamente pianeggianti, ma nel finale prima la salita di Forcella Mostaccin (3 km al 16%), poi lo strappo di Asolo (7%) potrebbero riservare sorprese. Sembra il terreno ideale per Alejandro Valverde: il capitano della Movistar si muoverà? Vincenzo Nibali non dovrà farsi trovare impreparato. Si parte alle 11.45. Buon divertimento!

LA TAPPA DI OGGI

Clicca F5 per aggiornare la pagina

16.46: ULISSIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!! Grandissima vittoria! Jungels e Amador guadagnano 12 secondi su Nibali e Valverde.

16.45: volata a 3 per la vittoria, Ulissi è il più veloce….

16.44: 2 km al traguardo, 10″ di vantaggio. Possono farcela! Dietro non c’è accordo tra gli inseguitori.

16.42: terminata la salita di Asolo, 3,5 km al traguardo. 8 secondi di vantaggio per i tre fuggitivi.

16.41: Betancour non ce la fa. Restano in tre: Amador, Jungels e Ulissi. Ma il gruppo non è lontano.

16.40: da dietro si muovo Ulissi e Betancour. Si forma un quartetto al comando, Movistar in superiorità numerica. Il gruppo Pozzovivo è a 1’28” dalla vetta.

16.39: iniziata la salita verso Asolo. 7% di pendenza media. Vediamo se si muoverà Valverde…

16.39: Amador e Jungels stanno andando davvero forte (ma stanno anche spendendo tantissimo). 7″ il loro vantaggio.

16.38: tra poco Amador e Jungels troveranno uno strappetto di 1 km al 7%.

16.36: 10″ per i due fuggitivi, che sono anche i primi due della classifica generale.

16.35: Bardiani ed Orica GreenEdge a tirare, ma Jungels e Amador mantengono 11″ di margine. La maglia rosa sta volando.

16.33: 12″ di vantaggio per Jungels e Amador sugli inseguitori.

16.32: rientrano una trentina di corridori sul gruppo di Nibali e Valverde. C’è anche Colbrelli, dunque Bardiani interessata ad arrivare in volata.

16.30: vanno via Jungels e Amador, si lancia all’inseguimento Kruijswijk.

16.29: Nibali, Chaves e Valverde ripresi dal gruppo maglia rosa con Formolo, Majka e Zakarin, tra gli altri. Parte Amador al contrattacco! Prova a rispondere Jungels!

16.25: il terzetto ha circa 100 metri di vantaggio su un gruppetto di 20-25 uomini.

16.24: se ne vanno in tre! Valverde, NIbali e Chaves!

16.24: attacca Nibali in discesa!

16.23: ora la discesa, tutti gli uomini di classifica davanti.

16.22: si muovono gli uomini di classifica. Kruijswijk davanti con Valverde, Nibali e Chaves.

16.21: sempre Laengen davanti, arriva il gruppo pilotato da Cunego dietro.

16.20: si muove Carlos Betancur (Movistar). Aumenta il ritmo in gruppo.

16.18: Laengen davanti, il plotone guidato da Conti dietro. Non si muove nessuno.

16.16: Valerio Conti fa il ritmo per Ulissi. Nibali e Valverde nelle prime posizioni del gruppo.

16.15: inizia Forcella Mostaccin per i fuggitivi, Laengen prova in solitaria.

16.11: velocità altissima sia davanti, per approcciare il finale, che dietro per rientrare in gruppo. Intanto resta solo 1′ alla fuga.

16.10: gran bagarre in gruppo, difficilmente Pozzovivo riuscirà a rientrare.

16.08: non è caduto, ma ha perso contatto Domenico Pozzovivo. Ora dovrà rientrare sul gruppo.

16.07: caduto Arnaud Demare con praticamente tutta la sua squadra. A terra anche Michele Scarponi e Valerio Agnoli.

16.06: attenzione, brutta caduta in gruppo.

16.00: 30 chilometri all’arrivo, ritmo ora altissimo per il gruppo che guadagna secondi su secondi. Ora 2’30” lo svantaggio.

15.46: rallenta leggermente il passo il gruppo, 3’30” lo svantaggio dal trio al comando.

15.38: 50 chilometri al traguardo, 3’20” il vantaggio dei fuggitivi. In gruppo tirano i russi della Gazprom.

15.27: in gruppo ancora sprint tra Demare e Trentin, con il francese che guadagna punti.

15.25: Vorobyev passa davanti al secondo traguardo volante.

15.23: 60 chilometri all’arrivo, 3’38” il vantaggio.

15.20: scende sotto i 4′ il ritardo del gruppo, ottimo lavoro per la Trek-Segafredo. La fuga sembra essere spacciata.

15.06: 4’24” a 73 dall’arrivo. La Trek-Segafredo è sempre in testa.

14.50: gruppo ancora più vicino. 5’50” per Laengen (Iam), Vorobyev (Katusha) e Bertazzo (Wilier-Southeast.

14.42: vantaggio sotto i 7′, se il trend si mantiene questo sarà difficile per gli attaccanti arrivare a giocarsi il successo di tappa.

14.25: adesso è la Trek-Segafredo a tirare il gruppo. 9’20” di ritardo.

14.19: ritirato Tom Dumoulin.

14.01: quasi 11′ per i fuggitivi a 112 chilometri dal traguardo.

13,48: il gruppo si è rialzato. 8 minuti di vantaggio per i fuggirivi.

13.30: attaccano Laengen (Iam), Vorobyev (Katusha) e Bertazzo (Wilier-Southeast). Gruppo maglia rosa a 1’14”.

13.19: gruppo compatto dopo 75 km. Andatura sostenuta.

13,09: circa 160 km all’arrivo. Gruppo ancora compatto.

13,02: prima ora in cui la media è stata davvero sostenuta. 51,500 la media nei primi 60 minuti.

12,47: sotto la spinta della Lampre-Merida il gruppo riprende i fuggitivi e torna compatto.

12,25: 200 km al traguardo, vicino al minuto il margine dei battistrada.

12,10: 40 i secondi di vantaggio per gli attaccanti, giunti al km 13.

12,05: tappa iniziata ufficialmente da circa 15 minuti. Subito il primo attacco. Ci provano Moser, Quinziato Howard, Kludge, Boaro, Pozzato, Vorobyev, Zhupa ed il solito infaticabile Berlato.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top