Judo, World Masters 2016: Harrison ed Ortiz pronte a difendere il titolo olimpico

Judo-Idalys-Ortiz.jpg

Si è concluso il World Masters di Guadalajara, in Messico in programma da venerdì 27 a domenica 29 maggio. Ultima prova valida per le qualificazioni olimpiche per i Giochi di Rio 2016, con ben 700 punti in palio per i vincitori di ciascuna categoria, la competizione era fondamentale anche per definire quelle che saranno le teste di serie proprio nella rassegna a cinque cerchi.

Nella terza ed ultima giornata del torneo erano di scena le cinque categorie di peso maggiori, tre per gli uomini (90 kg, 100 kg e +100 kg) e due per le donne (78 kg e +78 kg).

78 KG DONNE

Unica azzurra impegnata quest’oggi, Assunta Galeone andava alla ricerca dei punti necessari per ottenere la qualificazione olimpica. La napoletana della categoria 78 kg aveva iniziato il suo percorso battendo per ippon l’australiana di origine italiana Miranda Giambelli. Ai quarti di finale, poi, l’azzurra ha incontrato la campionessa olimpica Kayla Harrison: la statunitense ha impiegato meno di due minuti per imporsi, ma Galeone aveva ancora la possibilità di puntare al bronzo. Nei ripescaggi, tutto stava andando per il meglio contro la britannica Gemma Gibbons: in vantaggio di uno yuko, però, l’azzurra si è lasciata sorprendere dall’avversaria, che nella parte conclusiva del match ha messo a segno il waza-ari decisivo.

Ad imporsi è stata proprio la statunitense Harrison, che probabilmente chiuderà la sua carriera dopo Rio 2016. La venticinquenne ha dunque confermato il titolo vinto lo scorso anno a Rabat, in Marocco, superando la brasiliana Mayra Aguiar, campionessa mondiale nel 2014, mettendo a segno uno yuko ed un ippon. Sul podio troviamo la britannica Natalie Powell, che ha sconfitto per ippon la cinese Zhang Zhehui dopo aver vinto lo scontro diretto con la connazionale Gemma Gibbons ai quarti di finale. Quest’ultima si sarebbe classificata quinta, superata dall’olandese Guusje Steenhuis con uno yuko realizzato nella prima parte dell’incontro.

-78 kg
1. HARRISON, Kayla (USA)
2. AGUIAR, Mayra (BRA)
3. POWELL, Natalie (GBR)
3. STEENHUIS, Guusje (NED)
5. GIBBONS, Gemma (GBR)
5. ZHANG, Zhehui (CHN)
7. GALEONE, Assunta (ITA)
7. TURKS, Victoriia (UKR)

+78 KG DONNE

Come Kayla Harrison, anche la campionessa olimpica della massima categoria di peso si è imposta a Guadalajara. La cubana Idalys Ortiz, infatti, ha impiegato poco più di tre minuti per vincere l’incontro su osae-komi sulla cinese Ma Sisi. La ventiseienne caraibica ottiene così il suo primo successo nel World Masters dopo il bronzo del 2013 ed il settimo posto della passata edizione. Importantissimo risultato per la venticinquenne bosniaca Larisa Cerić, che si assicura la qualificazione olimpica grazie alla medaglia di bronzo vinta con un ippon sulla tunisina Nihel Cheikh Rouhou. Sul podio anche la giapponese Kanae Yamabe, selezionata per Rio 2016, che si è imposta per ippon sull’ucraina Svitlana Iaromka.

+78 kg
1. ORTIZ, Idalys (CUB)
2. MA, Sisi (CHN)
3. CERIC, Larisa (BIH)
3. YAMABE, Kanae (JPN)
5. CHEIKH ROUHOU, Nihel (TUN)
5. IAROMKA, Svitlana (UKR)
7. ALTHEMAN, Maria Suelen (BRA)
7. SAVELKOULS, Tessie (NED)

90 KG UOMINI

Altro titolare giapponese per Rio 2016, il ventunenne Mashu Baker si è imposto partendo come testa di serie numero uno. In finale, il nipponico ha incontrato il russo Khusen Khalmurzaev, che ha ceduto solamente ad uno yuko dopo un minuto e mezzo di golden score. Già campione europeo anni fa, lo svedese Marcus Nyman ha approfittato del forfait del greco Ilias Iliadis per conquistare il bronzo, mentre, nell’altro match per il terzo posto, lo sloveno Mihael Žgank ha avuto la meglio sul francese Axel Clerget per uno shido di differenza.

-90 kg
1. BAKER, Mashu (JPN)
2. KHALMURZAEV, Khusen (RUS)
3. NYMAN, Marcus (SWE)
3. ZGANK, Mihael (SLO)
5. CLERGET, Axel (FRA)
5. ILIADIS, Ilias (GRE)
7. GROSSKLAUS, Ciril (SUI)
7. MEHDIYEV, Mammadali (AZE)

100 KG UOMINI

Come nelle tre categorie precedenti, anche fra i 100 kg il numero uno del tabellone ha saputo mantenere il proprio rango. L’azero Elmar Gasimov, infatti, ha vinto la sua seconda edizione consecutiva del World Masters grazie alla vittoria per ippon su Cyrille Maret, lo specialista francese del Grand Slam di Parigi. Da notare che il venticinquenne caucasico aveva ottenuto anche il bronzo nel 2013 ed il quinto posto nel 2011. Il ceco Lukáš Krpálek è salito sul terzo gradino del podio battendo per ippon l’algerino Lyes Bouyacoub, mentre lo svedese Martin Pacek ha vinto con due waza-ari (waza-ari awasete ippon) il match con il cubano José Armenteros.

-100 kg
1. GASIMOV, Elmar (AZE)
2. MARET, Cyrille (FRA)
3. KRPALEK, Lukas (CZE)
3. PACEK, Martin (SWE)
5. ARMENTEROS, Jose (CUB)
5. BOUYACOUB, Lyes (ALG)
7. DARWISH, Ramadan (EGY)
7. KORREL, Michael (NED)

+100 KG UOMINI

la notizia di giornata è sicuramente la sconfitta del giapponese Hisayoshi Harasawa, che rappresenterà il Sol Levante a Rio 2016 nella categoria +100 kg. Imbattuto da circa due anni a livello internazionale e sfidante designato di Teddy Riner, il nipponico ha battuto tranquillamente per ippon il mongolo Temuulen Battulga, ma ai quarti di finale è stato travolto dallo scatenato rumeno Daniel Natea, che ha fatto valere la sua fisicità mettendo a segno un waza-ari e poi chiudendo la pratica per ippon. Harasawa avrebbe poi vinto il ripescaggio contro il russo Aslan Kambiev, salendo sul podio grazie al forfait dell’ungherese Barna Bor nel match per il bronzo, ma sicuramente il giapponese esce da questo torneo molto ridimensionato.

Dopo la clamorosa vittoria su Harasawa, invece, Daniel Natea è andato a conquistare la medaglia d’oro, per quello che è certamente il risultato più importante della sua carriera. Il colosso ventiquattrenne ha impiegato solamente dieci secondi per vincere il match contro l’israeliano Or Sasson, finalista degli ultimi due Campionati Europei, grazie ad un ippon su osae-komi. L’ultima medaglia è appannaggio dell’olandese Roy Meyer, che dopo essere stato in svantaggio per waza-ari contro l’azero Ushangi Kokauri, ha prima pareggiato i conti e poi chiuso la pratica per ippon su osae-komi.

+100 kg
1. NATEA, Daniel (ROU)
2. SASSON, Or (ISR)
3. HARASAWA, Hisayoshi (JPN)
3. MEYER, Roy (NED)
5. BOR, Barna (HUN)
5. KOKAURI, Ushangi (AZE)
7. JABALLAH, Faicel (TUN)
7. KAMBIEV, Aslan (RUS)

MEDAGLIERE WORLD MASTERS 2016

Nation 1st place 2nd place 3rd place 5th place 7th place
1. Japan (JPN) 5 0 2 0 1
2. Azerbaijan (AZE) 2 0 2 1 1
3. United States of America (USA) 2 0 0 0 1
4. Mongolia (MGL) 1 2 1 4 1
5. Netherlands (NED) 1 1 3 0 2
6. Korea, South (KOR) 1 0 3 2 0
7. Cuba (CUB) 1 0 0 1 2
8. Romania (ROU) 1 0 0 1 0
9. France (FRA) 0 3 1 2 0
10. Russia (RUS) 0 2 1 2 3
11. Brazil (BRA) 0 2 0 1 2
12. China (CHN) 0 1 1 1 1
12. Israel (ISR) 0 1 1 1 1
14. Austria (AUT) 0 1 0 1 0
15. Belgium (BEL) 0 1 0 0 1
16. Sweden (SWE) 0 0 2 0 0
17. Great Britain (GBR) 0 0 1 2 1
18. Ukraine (UKR) 0 0 1 1 1
19. Greece (GRE) 0 0 1 1 0
19. Hungary (HUN) 0 0 1 1 0
21. Egypt (EGY) 0 0 1 0 1
21. Italy (ITA) 0 0 1 0 1
23. Bosnia-Herzegovina (BIH) 0 0 1 0 0
23. Colombia (COL) 0 0 1 0 0
23. Czech Republic (CZE) 0 0 1 0 0
23. Spain (ESP) 0 0 1 0 0
23. Slovenia (SLO) 0 0 1 0 0

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top