Judo, World Masters 2016: anche Miku Tashiro raggiunge quota tre vittorie

Judo-Miku-Tashiro-Juul-Franssen.jpg

È in pieno svolgimento il World Masters di Guadalajara, in Messico in programma da venerdì 27 a domenica 29 maggio. Ultima prova valida per le qualificazioni olimpiche per i Giochi di Rio 2016, con ben 700 punti in palio per i vincitori di ciascuna categoria, la competizione permetterà anche di definire meglio quelle che saranno le teste di serie proprio nella rassegna a cinque cerchi.

Nella seconda giornata del torneo saranno di scena le quattro categorie di peso centrali, due per gli uomini (73 kg ed 81 kg) ed altrettante per le donne (63 kg e 70 kg).

63 KG DONNE

Unica rappresentante azzurra in gara quest’oggi, Edwige Gwend è stata subito estromessa dal tabellone della categoria 63 kg. Testa di serie numero sei del tabellone, la judoka emiliana nata in Camerun ha combattuto contro la russa Ekaterina Valkova, la stessa judoka che l’aveva privata della medaglia agli ultimi Campionati Europei, già balzata alle cronache per essere risultata positiva al meldonium in occasione di un controllo antidoping. Una penalità di differenza ha ancora premiato Valkova, che si è così portata sul 3-1 nel computo degli scontri diretti.

Ad imporsi è stata la ventiduenne giapponese Miku Tashiro, che ha sconfitto l’olandese Juul Franssen per waza-ari, salendo così sul gradino più alto del podio come aveva già fatto lo scorso anno a Rabat. Da notare che Franssen si è aggiudicata il confronto con la connazionale Anicka van Emden, terza, ma quest’ultima dovrebbe essere preferita dai tecnici in vista delle Olimpiadi. Van Emden è comunque salita sul podio battendo grazie alle penalità la mongola Tserennadmid Tsend-Ayush, mentre l’altro bronzo è andato alla cinese Yang Junxia, vincitrice con un ippon ed un yuko sull’austriaca Kathrin Unterwurzacher, che pure aveva messo a segno un waza-ari.

-63 kg
1. TASHIRO, Miku (JPN)
2. FRANSSEN, Juul (NED)
3. VAN EMDEN, Anicka (NED)
3. YANG, Junxia (CHN)
5. TSEND-AYUSH, Tserennadmid (MGL)
5. UNTERWURZACHER, Kathrin (AUT)
7. KATIPOGLU, Busra (TUR)
7. VALKOVA, Ekaterina (RUS)

70 KG DONNE

Numero uno del ranking mondiale, l’olandese Kim Polling ha cancellato la delusione dei Campionati Europei vincendo la sua terza medaglia d’oro consecutiva in un World Masters, risultato che le permette di raggiungere Teddy Riner, Sumiya Dorjsuren e Misato Nakamura tra gli atleti più vincenti in questa competizione. In finale, Polling ha fatto valere i pronostici che la davano per favorita, mettendo a segno ben tre yuko e poi il definitivo ippon sulla malcapitata austriaca Bernadette Graf. Sul terzo gradino del podio sono salite la pluricampionessa iridata colombiana Yuri Alvear, vincitrice per ippon sulla mongola Naranjargal Tsend-Ayush, e la sudcoreana Kim Seong-Yeon, che invece ha sconfitto la britannica Sally Conway per waza-ari.

-70 kg
1. POLLING, Kim (NED)
2. GRAF, Bernadette (AUT)
3. ALVEAR, Yuri (COL)
3. KIM, Seongyeon (KOR)
5. CONWAY, Sally (GBR)
5. TSEND AYUSH, Naranjargal (MGL)
7. PEREZ, Maria (PUR)
7. PORTELA, Maria (BRA)

73 KG UOMINI

Tra i pochi, dei giapponesi presenti in Messico, che non prenderà parte alle Olimpiadi, Soichi Hashimoto ha ottenuto una nuova vittoria di prestigio dopo il titolo continentale asiatico conquistato a Tashkent. Il ventiquattrenne ha impiegato poco più di un minuto per mettere a segno l’ippon decisivo ai danni del mongolo Odbayar Ganbaatar. Numero uno del tabellone, il sudcoreano An Chang-Rim si è fermato al quinto posto, costretto a dichiarare forfait nel match per il bronzo in favore dell’azero Rustam Orujov, terzo a pari merito con il russo Denis Iartcev, che invece ha vinto per ippon contro l’israeliano Sagi Muki, campione europeo nel 2015.

-73 kg
1. HASHIMOTO, Soichi (JPN)
2. GANBAATAR, Odbayar (MGL)
3. IARTCEV, Denis (RUS)
3. ORUJOV, Rustam (AZE)
5. AN, Changrim (KOR)
5. MUKI, Sagi (ISR)
7. SHARIPOV, Mirali (UZB)
7. VAN TICHELT, Dirk (BEL)

81 KG UOMINI

Mai sul podio di un World Masters nella sua lunga carriera, lo statunitense Travis Stevens ha conquistato la medaglia del colore più pregiato all’età di trent’anni. In una finale molto difficile da pronosticare, il judoka a stelle e strisce ha battuto nettamente il belga Joachim Bottieau, mettendo a segno due yuko prima del conclusivo ippon. Poco scontate anche le due medaglie di bronzo, andate all’egiziano Mohamed Abdelaal, vincitore agli ottavi di finale contro Loïc Pietri (Francia) e poi capace di conquistare il podio con un ippon al golden score sul mongolo Dagvasuren Nyamsuren, ed al greco Roman Moustopoulos, che ha sconfitto alle penalità il russo Alan Khubetsov. Numero uno del seeding, il canadese Antoine Valois-Fortier è stato subito battuto da un ippon dell’altro russo Sirazhudin Magomedov.

-81 kg
1. STEVENS, Travis (USA)
2. BOTTIEAU, Joachim (BEL)
3. ABDELAAL, Mohamed (EGY)
3. MOUSTOPOULOS, Roman (GRE)
5. KHUBETSOV, Alan (RUS)
5. NYAMSUREN, Dagvasuren (MGL)
7. MAGOMEDOV, Sirazhudin (RUS)
7. SILVA MORALES, Ivan Felipe (CUB)

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top