Judo: Korval annuncia il cambio di categoria, dopo la squalifica passerà ai 73 kg

Judo-Loic-Korval-2.jpg

Escluso dai Giochi Olimpici di Rio 2016 per via di una squalifica comminatagli dalle autorità francesi, il judoka Loïc Korval ha annunciato attraverso i social network la sua intenzione di passare alla 73 kg. L’atleta che a breve compirà 28 anni abbandonerà dunque la categoria 66 kg, che in questi anni gli ha regalato grandi soddisfazioni, come il titolo europeo nel 2014 e l’argento ai Giochi Europei di Baku 2015.

Questo il messaggio di Korval: “Buongiorno a tutti, dopo tre giorni di depressione è tempo di rialzare la testa. Sto attraversando un momento difficile e non è ancora finita, e mi rendo conto di quanto questo periodo della mia vita sarà duro. Ma, per citare il detto di un grande campione che ha fatto prova nella sua vita di una determinazione eccezionale (il pugile Alexis Vastine, ndr): “Niente finisce mai per sempre”. Non saranno l’AFLD (Agenzia Francese per la lotta al doping, ndr) ed il suo presidente Genevois o i suoi cortigiani del Consiglio di Stato che dirigeranno la mia vita. Mi hanno inflitto una pesante disillusione infrangendo il mio sono olimpico, infangando il mio nome e torturando il mio spirito. Ma non è finita: non mi hanno vinto! Vi annuncio ufficialmente il mi passaggio nella categoria 73 kg. L’obiettivo è di diventare campione nazionale francese e di diventare il numero uno francese della categoria per guadagnarmi il posto in nazionale in vista di Europei e Mondiali, per poi impormi come il migliore al mondo! Grazie a tutti per il supporto. La strada sarà lunga e sinuosa ma sono io l’artefice del mio destino ed il capitano della mia anima. Insieme siamo invincibili!“.

Nel frattempo, la FFJ (Fédération Française de Judo) ha pubblicato un comunicato stampa ufficiale sull’accaduto, che qui riportiamo: “Il Consiglio di Stato ha reso, il 15 aprile 2016, un verdetto che riduceva la sospensione pronunciata contro Loïc Korval da due anni ad un anno. Questa sanzione, inflitta a causa di tre mancanze al suo obbligo di localizzazione, è stata dunque ridotta tenendo conto del carattere involontario di queste mancanze e dell’assenza di assunzione di sostanze vietate. Con un’ordinanza datata il 2 maggio 2016, il Giudice delle procedure per direttissima del Consiglio di stato ha respinto la richiesta di Loïc Korval che chiedeva la sospensione della decisione dell’Agenzia Francese di Lotta al Doping che precisava che la durata della parte rimanente di questa sanzione era di 6 mesi e 13 giorni. Questa situazione priva Loïc Korval, eccellente possibilità di medaglia francese, di ogni chance di partecipare ai Gochi Olimpici. La Federazione Francese di Judo intende assicurare al proprio atleta tutto il suo sostegno, e ricordare che nessuno de numerosi controlli antidoping ai quali è stato sottomettere ha mai fatto pensare all’assunzione di sostanze illecite, e che l’unica cosa che gli viene rimproverata è una negligenza amministrativa. La lunga procedura che ha condotto a questa sanzione, le cui conseguenze sono naturalmente dannose per lo sport francese, pone la questione della riforma delle nostre procedure disciplinari nazionali in materia di lotta al doping, lotta alla quale la Federazione di judo porta naturalmente un contributo costante. La riforma proposta dalla Federazione Francese di Judo all’AFLD di attribuire interamente a quest’ultima la gestione delle procedure disciplinari in materia di lotta antidoping avrebbe permesso in questo caso di guadagnare del tempo e di evitare così queste conseguenze“: 

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top