Giro d’Italia 2016, Vincenzo Nibali: “Scarponi merita una statua. E’ una vittoria della squadra”

Nibali-2-Marco-Cometto.jpg

Vincenzo Nibali ha vinto il secondo Giro d’Italia della sua carriera dopo quello del 2013. Lo ha fatto con un’azione straordinaria sul Colle della Lombarda, dove ha staccato tutti. Lo Squalo ha poi incrementato in discesa, prima della cavalcata finale a Sant’Anna di Vinadio.

Il 31enne siciliano rende merito ad un’Astana superlativa: “Scarponi meriterebbe una statua, la squadra è stata perfetta. Non ci credevo nemmeno io, ma nel finale ho visto che stavo bene e ho detto a Michele di accelerare. Abbiamo fatto un grandissimo gioco di squadra. Senza di loro forse non ce l’avrei fatta“.

Il fuoriclasse italiano racconta il segreto del successo: “E’ stata una giornata spettacolare. Non avevo né paura di perderlo né paura di vincerlo. Ieri ho capito che stavo molto bene, sui 1800-2000 metri di altitudine ero quello che stava meglio di tutti. A 5-6 km dal Colle della Lombarda guardavo i metri e ho aspettato i 1900 m. di altitudine per attaccare. Sono andato a tutta fino all’arrivo, è stata una giornata stupenda“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Cometto – Boschetti

Lascia un commento

Top