Giro d’Italia 2016: Marcel, così esageri! Kittel domina, Greipel naufraga con Viviani e Nizzolo

Marcel-Kittel-RCS-Sport-PHOTO-CREDIT-ANSA-PERI-DI-MEO-ZENNARO.jpg

Inavvicinabile. Così può essere descritta la volata di Marcel Kittel nella seconda tappa del Giro d’Italia 2016. Volata di forza con cui ha staccato di ruota tutti gli avversari negli ultimi 250 metri di gara.

È il velocista più forte, sì, e per come si è sviluppata la gara lo sprint di oggi era finito ancora prima di cominciare. Portato al finale senza il minimo tentativo di organizzare un treno o un’azione corale e di squadra per provare quantomeno a mettere in difficoltà il tedesco. Lo sforzo finale è una mera formalità, con Démare e Modolo costretti a giocarsi le rimanenti posizioni del podio.

Fortissima delusione per André Greipel, Elia Viviani e Giacomo Nizzolo. Accreditati come i più seri rivali di Kittel, non sono nemmeno riusciti a disputare la volata. Forse per mancanza di un vero e proprio treno, sono stati fagocitati dal gruppo chiudendo tra la decima e la sedicesima posizione senza mai nemmeno farsi vedere nelle posizioni di testa. Troppo poco anche se questa, come prima tappa in linea, potrebbe aver avuto dinamiche particolari e diverse rispetto a quanto vedremo nei prossimi giorni. Certo, dovessero ripetersi per la vittoria di domani il nome da fare è solo uno: quello di Marcel Kittel.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: RCS Sport – PHOTO CREDIT- ANSA – ZENNARO

Lascia un commento

Top