Giro d’Italia 2016, le pagelle della settima tappa: Greipel da campione, Nizzolo e Modolo quasi perfetti

Andrè-Greipel.jpg

Andrè Greipel concede il bis aggiudicandosi anche la volata di Foligno. Il tedesco raggiunge a due successi il connazionale Marcel Kittel, in difficoltà sui GPM e sfortunato negli ultimi km a causa di una foratura. La settima tappa del Giro d’Italia 2016 ha visto dunque trionfare nuovamente un corridore teutonico. Piazzati gli italiani, che occupano sei delle prime 10 posizioni della tappa odierna. Voti comunque alti per Giacomo Nizzolo e Sacha Modolo, ai quali è mancata soltanto la zampata per beffare un mostruoso Greipel.

Andrè Greipel, voto 8,5: nuova dimostrazione di forza dello sprinter tedesco. Vittoria non per distacco come quella di Benevento, ma che comunque fa male ai suoi diretti rivali. Cannibale.

Marcel Kittel, voto 5,5: al di sotto della sufficienza soltanto per l’enorme fatica palesata a superare anche i GPM di quarta categoria. La volata di Foligno non lo ha visto protagonista a causa della sfortuna.

Sacha Modolo e Giacomo Nizzolo, voto 7,5: si dividono le piazze d’onore del podio disputando un’ottima volata. Ai due sprinter italiani manca soltanto il guizzo finale per superare il pigliatutto teutonico.

Tim Wellens, voto 7: dopo la superba vittoria di Roccaraso il belga va brillantemente a caccia di punti utili a conquistare la Maglia Azzurra, scalzando così Cunego dalla vetta della classifica degli scalatori.

Damiano Cunego, voto 5: spende utili energie  scattando troppo tardi nel tentativo di recuperare i fuggitivi in vista del Valico della Somma, per strappare qualche punticino nella lotta con Wellens. Decisione rivedibile.

Elia Viviani, voto 5,5: chiude la volata soltanto con un discreto decimo posto. Il velocista del Team Sky, con l’assenza di Kittel, avrebbe potuto decisamente fare qualcosa in più.

Foto: comunicato RCS

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Lascia un commento

Top