Giro d’Italia 2016, le pagelle della seconda tappa: Kittel regale, Demare e Modolo promossi

marcel-kittel-TWITTERETIX.jpg

Seconda tappa del Giro d’Italia 2016 in terra olandese che apre il palcoscenico agli sprinter. Il tanto temuto vento non fa danni e l’arrivo di Nijmegen è teatro del primo arrivo in volata della 99esima edizione. Queste le pagelle della seconda frazione della Corsa Rosa, vinta da un regale Marcel Kittel.

Marcel Kittel, voto 8,5: lucido nel capire che il treno formato dai suoi compagni di squadra della Etixx-Quick Step aveva anticipato le mosse di un centinaio di metri, prende la ruota del francese Demare e domina la volata. Sarà dura batterlo nei prossimi sprint. Domani il tedesco andrà a caccia della Maglia Rosa, Dumoulin è avvisato.

Tom Dumoulin, voto 6,5: attento, concentrato. Evita di mettersi nei guai controllando perfettamente in questa seconda tappa. Il simbolo che indossa è in pericolo a causa degli abbuoni conquistati dallo sprinter tedesco, ma le tappe per l’olandese torneranno in futuro.

Sacha Modolo, voto 7,5: mostra di aver gamba, ma urtroppo non riesce a restare a ruota di un indomabile Kittel. L’azzurro della Lampre ci proverà sicuramente domani.

Arnaud Demare e FDJ, voto 7,5: la squadra transalpina nell’ultimo km dirige le danze della volata lanciando quasi alla perfezione la loro punta di diamante. Demare fa il possibile, ma si inchina al re degli sprint.

Giacomo Berlato, voto 7: anima la fuga di giornata con un’azione di 180 km e la onora con tutte le sue energie. Il Giro è appena iniziato, sicuramente lo rivedremo nei prossimi attacchi da lontano.

Giacomo Nizzolo, voto 5,5: intrappolato nelle zone medio-alte del gruppo poche centinaia di metri dall’arrivo, non riesce ad andare oltre un discreto decimo posto. Dovrà stare più attento nel preparare i prossimi sprint.

Nicola Ruffoni, voto 6,5: ottimo il quinto posto del bresciano, capace di scegliere le ruote giuste e sprigionare la sua potenza ottenendo un gran piazzamento.

Andre Greipel, voto 4: non concretizza il lavoro della squadra, scomparendo letteralmente nella pancia del gruppo negli ultimi metri.

Andrey Amador: voto 7: dopo la grande cronometro inaugurale, lo scalatore della Movistar entra anche nella top ten di una tappa destinata agli sprinter. Che sia entrato in condizione troppo presto?

Foto: Official Twitter Etixx-Quick Step

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Lascia un commento

Top