Giro d’Italia 2016: le pagelle. Bene Nieve e Amador, Nibali il migliore tra i big

Ci6RfPqWgAEBeNF1.jpg

Tante salite, non moltissimo spettacolo, ma comunque qualche emozione ce l’ha regalata la tredicesima tappa del Giro d’Italia, vinta dallo spagnolo Mikel Nieve. Andiamo a riviverla con le pagelle dei protagonisti di questa corsa.

Mikel Nieve, voto 9: il Team Sky riesce a togliersi una soddisfazione dopo un Giro d’Italia davvero deludente. Prima il ritiro del velocista, Elia Viviani, andato fuori tempo massimo, poi quello del capitano, Mikel Landa, colpito da dolori intestinali. Con l’uomo che neanche doveva essere presente a questa Corsa Rosa arriva un gran successo di tappa. Nieve si ripete a distanza di cinque anni: dopo la vittoria di Gardeccia, quella di Cividale del Friuli, con un bellissimo scatto a circa 30 dall’arrivo.

Giovanni Visconti, voto 8: sono mancate le gambe per stare assieme a Nieve, ma il secondo posto è comunque di gran valore per il siciliano. Il corridore della Movistar, sfortunatissimo in occasione del primo GPM dov’è caduto a causa di un contatto con Cunego, non demorde e prova in tutti i modi a tornare sul gradino più alto del podio, ma trova un avversario troppo forte. Performance di sostanza.

Vincenzo Nibali, voto 8: di gran lunga il migliore dei big. Ci prova (scatti non comunque decisi) in salita, fa lavorare molto la sua squadra e crea difficoltà a tutti. In discesa non lascia andare Amador, ma il capolavoro lo fa allo sprint: riesce addirittura a battere un uomo veloce come Valverde andandosi a prendere 4” di abbuono che valgono il terzo posto in classifica generale.

Alejandro Valverde, voto 6: solita tattica (a volte incomprensibile) di gara. Ma c’è sempre. Bisognerà da seguirlo fino alla fine.

Andrey Amador, voto 8: soffre moltissimo in salita, si stacca, perdendo anche 30”, ma poi fa il fenomeno in discesa rientrando nel giro di pochi chilometri. Poi a tutta in pianura per conquistare un sogno: la Maglia Rosa! Primo costaricano di sempre.

Damiano Cunego, voto 7: non lo vedevamo da tanti anni così coraggioso. Magari non ha la gamba dei bei tempi, ma ci prova praticamente tutti i giorni e per ora guadagna punti in classifica dei GPM. La Maglia Azzurra è il suo grande obiettivo.

Lampre-Merida, voto 5: dopo due bellissime vittorie, Diego Ulissi cede in un momento importante. Il capitano della compagine italiana riesce ad andare in fuga, sognando addirittura la Maglia Rosa, accompagnato da tre compagni di squadra che tirano per tutta la giornata. Nel momento decisivo però il toscano crolla. Giornata no per lui e per la squadra, ma comunque fino ad ora corsa più che positiva.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Giro d’Italia

Lascia un commento

Top