Esteban Chaves: il sorriso che ha stregato il Giro d’Italia. E adesso può vincere

31260315-31ef-47ce-89e3-1c65228692ca1.jpg

Fa quasi notizia vedere Esteban Chaves in seconda posizione all’inizio dell’ultima settimana di Giro d’Italia. E fa notizia perché fino ad ora è sembrato essere tra i più forti, se non il più forte, in tutte le salite affrontate. 

Nelle prime quindici tappe il colombiano dell’Orica-GreenEDGE non ha mai perso una pedalata. Il ritardo accumulato fino ad ora è cresciuto nelle due prove a cronometro, esercizio nel quale, nonostante possa limare diversi difetti, pagherà sempre dazio rispetto ad altri corridori a causa della sua corporatura. Ad inizio Giro, oltre le già citate crono, i due grandi punti interrogativi su Chaves riguardavano la tenuta nei tapponi classici del Giro e la tenuta nella terza settimana: superato agilmente il primo ostacolo con la vittoria a Crovara (210 chilometri e oltre 5000 metri di dislivello) ora deve fugare anche la seconda perplessità.

Difficile, se non impossibile, dire come reagirà il suo fisico. Non si è mai trovato in una situazione di questo tipo, a giocarsi la maglia rosa in una corsa estenuante sin dalle prime giornate in Olanda e che sta sfociando in una lotta senza esclusione di colpi sulle Alpi fino a Torino. Da qui a domenica i valori in campo potrebbero cambiare e le crisi, per lui come per gli avversari, sono dietro l’angolo.

Lo sviluppo tattico della gara potrebbe giocare a suo favore, in quanto Steven Kruijswuijk sarà chiamato a gestire la corsa con una squadra (la LottoNL-Jumbo) sulla carta inadatta a scortarlo fino a Torino. Solo negli ultimi giorni ha trovato un buon punto d’appoggio in Enrico Battaglin ma se l’Astana e la Movistar dovessero provare ad attaccare da lontano, anche solo alzando il ritmo, potrebbe lasciare da solo il proprio capitano.

Sfruttando questa situazione e provando a giocare le proprie carte in maniera astuta, Chaves potrebbe godersi quasi da spettatore il duello tra Kruijswijk, Nibali e Valverde che per un motivo o per l’altro saranno chiamati ad attaccare o difendersi in prima persona. Il colombiano potrebbe così risparmiare energie utili per eventuali stoccate negli ultimi 5 chilometri della tappa. Attacchi che trovano un senso se il colombiano dovesse riuscire ad arrivare più fresco degli altri nelle fasi finali di corsa per andare a guadagnare 20, 30 o 40 secondi ogni giorno per diminuire il distacco dalla maglia rosa prima della resa dei conti finale nella frazione con arrivo a Sant’Anna di Vinadio.

Fino ad ora il suo Giro è stato perfetto e anche nella cronoscalata ha destato ottime sensazioni staccando un tempo addirittura migliore di Kruijswijk nella seconda parte della salita. Da qui a vincere, e sfoggiare il sorriso che sta conquistando tutto il mondo del ciclismo anche a Torino, la strada è lunga ma Esteban Chaves è ormai pronto compiere il definitivo salto di qualità. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Comunicato Stampa Rcs Sport

Lascia un commento

Top