Ciclismo, Danilo Di Luca: “I corridori sono delle bestie. O ti dopi o non puoi fare il professionista”

Ciclismo-Di-Luca-Doping.jpg

Danilo Di Luca torna a scagliarsi contro il sistema del ciclismo e lo fa in un’intervista rilasciata a Libero Quotidiano, in edicola questa mattina.

I corridori sono bestie, come ho scritto nel titolo del mio libro. Nessuno ti obbliga, è vero, ma quando scegli di diventare professionista ti devi adeguare al sistema oppure non corri più. Da professionista mi sono trovato davanti ad una sola scelta: doparmi“. le parole del 40enne di Spoltore.

L’abruzzese ammette che il doping fa male: “Io dico che mi sono dopato con misura nel senso che quando accetti di stare in quell’ambiente, poi decidi se doparti in modo scriteriato o no, e io non l’ho fatto. Ma il doping fa male, certo. Di più o di meno, ma fa male“.

Di Luca riflette poi su un sistema che, a suo dire, sembrerebbe decidere arbitrariamente chi coprire: “Sono stato trovato positivo in carriera due volte. Tutte le altre volte ero dentro il sistema. Facevo i controlli, ero negativo, mi sono attenuto alle regole“.

Il vincitore del Giro d’Italia 2007 si sofferma poi sulla nuova frontiera del doping tecnologico, ovvero i motorini installati nelle bici: “Questa pratica è molto peggio del doping, perché col motorino vinci anche se sei un brocco. Per me aumenta del 40% la prestazione di un ciclista. Il doping solo il 7%: pensare che uno sia campione solo per l’Epo è follia“.

Infine sul marciatore Alex Schwazer, tornato a vincere dopo una lunga qualifica di quasi 4 anni: “Deve avere un’altra chance. Ha sbagliato, magari ha detto anche cose non vere, ma l’hanno massacrato. Se ha scontato la pena, è giusto che torni“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Tag

One thought on “Ciclismo, Danilo Di Luca: “I corridori sono delle bestie. O ti dopi o non puoi fare il professionista””

  1. Luca46 scrive:

    Parole sacrosante. Dice cose che ho avuto modo di constatare di persona. Non è solo il ciclismo, ogni sport funziona così.

Lascia un commento

Top