Calcio – Italia-Scozia, ultima amichevole per i dubbi di Conte. Ma i ballottaggi giocheranno?

Insigne-Gianfranco-Carrozza.jpg

E’ la prima e ultima amichevole prima del fatidico momento del taglio della lista: Italia-Scozia, domani sera a Malta ore 20.45 su Rai Uno, fungerà da cesoia per sette azzurri sui 30 che hanno partecipato in questa settimana al raduno dei preconvocati prima di Euro 2016. Martedì 31 maggio, in diretta nazionale, il ct Antonio Conte ufficializzerà infatti l’elenco dei definitivi 23 per la rassegna continentale.

A dir la verità, giovedì Gianluigi Buffon e compagni hanno giocato anche contro la Fiorentina Primavera, un test interno più che un’amichevole vera e propria, vincendo 6-0 in una strana partita disputata su tre tempi da mezz’ora l’uno. Quella contro i britannici, scelti apposta dalla Figc perché sulla carta simili (tanta quantità, poca qualità) alla vicina Irlanda, avversaria dell’Italia nel gruppo E del torneo in Francia, sarà dunque l’ultima occasione per instaurare dubbi nella testa del ct, che all’indomani delle preconvocazioni aveva rivelato l’esistenza di soli “due o tre ballottaggi” per ridurre il gruppo a quota 23.

E si sa anche di chi si tratta: Thiago Motta e Riccardo Montolivo a centrocampo, le cui condizione fisiche hanno destato preoccupazione a inizio settimana salvo poi rientrare dopo i vari test eseguiti a Coverciano, e un attaccante, più nel dettaglio uno tra Lorenzo Insigne e Ciro Immobile. Conte, che ha chiamato 5 punte nei 30 preconvocati, non sa ancora se mantenere invariato il numero o se ridurlo a 4, potendo contare su tanti esterni come Antonio Candreva, Stephan El Shaarawy, Emanuele Giaccherini e, a questo punto, anche Federico Bernardeschi, sempre più lanciato verso il sì.

Eppure il paradosso sembra compiersi sulla strada verso Malta: se è vero che le condizioni dei due mediani sarebbero state valutate in allenamento e di pari passo con lo staff medico, stando alle voci delle ultime ore né l’attaccante del Napoli né quello del Torino dovrebbero partire titolari contro la Scozia, perdendo dunque l’ultima chance per mettersi in mostra nei 90 minuti. Conte schiererà infatti l’undici tipo, con il solo Jorginho al posto dell’acciaccato Daniele De Rossi in cabina di regia, confermando con tutta probabilità che anche Giacomo Bonaventura non partirà per la Francia.

Più affiatamento per le certezze, ovvio, ma anche scarsa volontà di cambiare idea in corso d’opera. E dire che la coppia Graziano Pellè-Eder non ha graffiato contro i baby viola, puniti invece in ben due occasioni da Lorenzo Insigne, appeso a un filo con l’amaro fardello di non poter essere artefice del proprio destino.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto: Gianfranco Carozza

Lascia un commento

Top