Atletica, Mondiali marcia a squadre: probabile trionfo cinese, Italia da podio in almeno due gare

Hong-Liu.jpg

Roma è pronta ad accogliere 432 iscritti in rappresentanza di 60 nazioni, per la celebrazione dei Campionati del Mondo di marcia a squadre, che si svolgeranno sabato e domenica, sullo spettacolare e difficile tracciato della capitale.

Il programma prevede le 10km junior (under 20) e le 20km senior dei due sessi il primo giorno, mentre l’indomani toccherà alla 50km, con la novità della presenza femminile.

Per i colori azzurri la speranza più grande di podio è sicuramente la gara della 20 chilometri donne, dove verranno schierate Eleonora Giorgi ed Elisa Rigaudo, in grado di competere per le posizioni più prestigiose. Sarà importante, però, verificare la gara della terza dell’armata tricolore, in quanto il tempo per squadra verrà preso sommando i crono delle tre migliori, in tal senso l’assenza di Antonella Palmisano è molto pesante. Sibilla Di Vicenzo e Valentina Trapletti dovranno dare il meglio di loro stesse per assicurare punti preziosi alla squadra.

La formazione cinese appare obiettivamente inavvicinabile per la medaglia d’oro; l’imbattibile Liu Hong e le sue due migliori compagne viaggiano con un vantaggio enorme, potenzialmente, sulle squadre avversarie, laddove oltre all’Italia, per i primi tre posti se la giocheranno Spagna e Portogallo, con Brasile e Grecia outsider.

Nell’omologa gara maschile si sconterà, come in tutte le competizioni, l’assenza della compagine russa per i noti motivi di doping; in loro assenza la lotta per le medaglie dovrebbe riguardare la Cina, grande favorita anche qui, sfidata da un compatto Giappone e dalla Spagna dalla giovane promessa Alvaro Martin. A dare filo da torcere ai più attesi ci saranno gli azzurri, per i quali conteranno molto lo stato di forma di Giorgio Rubino e la crescita di Vito Minei; onestamente appaiano più attrezzate dell’Italia, Australia e Ucraina, mentre a livello individuale marciatori come Andres Chocho possono ottenere gloria personale.

Lo stesso discorso vale per la 50km, dove il favorito è l’australiano Jarred Tallent, non accompagnato però da un team altrettanto all’altezza, ragion per cui Spagna, con l’intramontabile Jesus Garcia, e Cina godono di maggiore considerazione.

A parte il discorso relativo ad Alex Schwazer, già trattato a parte, la formazione di casa non è tagliata fuori dal discorso per il podio, anzi….il romano Marco De Luca corre su un circuito a lui ben conosciuto e punta molto su questa competizione e il terzo dei nostri potrebbe essere comunque tra i primi 15-20, considerando che Matteo Giupponi, Teodorico Caporaso e Federico Tontodonati sono ambiziosi quanto basta.

Nelle gare junior, dove si sommano i tempi dei primi due, si attende un chiaro dominio cinese, soprattutto tra le ragazze, con la Spagna prima rivale e la nostra nazionale nelle posizioni di rincalzo, ma con sogni di possibile bronzo

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.pessoni@oasport.it

Lascia un commento

Top