Atletica, Diamond League: a Doha parte la caccia al diamante (e a Rio…)

Christ-Taylor.jpg

Christian Taylor


Domani sera nella capitale del Qatar, prenderà il via la prima tappa del circuito di meeting più famoso della IAAF; la Diamond League vede la propria partenza in Asia, a cui seguiranno altre 13 riunioni.

Sono diversi i motivi di interesse dell’apertura di Doha, anche se forzatamente alcune assenze di peso si debbono registrare, visto che si è all’inizio della stagione.

Le discipline in programma domani sera, in ordine di esibizione, saranno le seguenti:

UOMINI: Disco, Alto, 400, 1500, 3000 siepi, Triplo, 200. 110hs, 4×400 (No Diamond League)

DONNE: Peso, Asta, Triplo, 100, 400hs, Giavellotto, 800, 3000

Partendo dal settore femminile, nella gara più veloce l’iridata Dafne Schippers vorrà subito dimostrare la sua forza nella distanza più classica, dove sarà sfidata da Tori Bowie e dall’ivoriana Mirelle Ahourè.

Interessante la contesa tutta sudamericana nel salto triplo tra la numero 1 assoluta Catherine Ibarguen, colombiana, e la dominatrice della stagione indoor, Yulimar Rojas.

Nell’asta la coppia greca Stefanidi-Kiriakopoulou se la vedrà con l’elvetica Nicole Buechler, mentre il mezzofondo sarà imperniato nei 3000 dalla sfida keniana all’etiope Almaz Ayana, diversamente sul doppio giro di pista appare interessante rivedere la discussa sudafricana Caster Semenya, tornata in gran spolvero, che proverà a superare l’eterna keniana Eunice Sum, con terzo incomodo la marocchina Malika Akkaoui.

Tra gli uomini il salto in alto, orfano di Gianmarco Tamberi, vedrà al via a rappresentare i colori azzurri Marco Fassinotti che avrà di fronte il fortissimo beniamino di casa Mutaz Essa Barshim e un duo di alto livello composto dal canadese Derek Drouin e dal cinese Guowei Zhang.

Christian Taylor, campione olimpico di Londra, vorrà mettere subito le cose in chiaro nel triplo, contro l’altro cinese Bin Dong, grande protagonista in sala.

Pur senza Kirani James, i 400 avranno allo start il grande LaShawn Merritt, sfidato da Luguelin Santos di Dominica e dall’africano Isaac Makwala, eccellente lo scorso anno.

Laddove nei 1500 e nei 3000 siepi è da attendere una sinfonia keniana, sugli ostacoli alti il giamaicano Omar McLeod proverà ad avvicinare la barriera dei 13”, opposto allo spagnolo Orlando Ortega, che non vedremo a Rio ed al francese Dimitri Bascou.

La riunione sarà trasmessa in diretta da Fox Sports HD a partire dalle ore 18.00

QUI PROGRAMMA E ISCRITTI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.pessoni@oasport.it

Lascia un commento

Top