Volley, Serie A1 femminile – Stasera inizia la Finale Scudetto: Conegliano favorita, Piacenza all’attacco

Conegliano-volley-Roberto.jpg

Stasera inizierà la Finale Scudetto di volley femminile. Una serie al meglio delle cinque partite, rapida e veloce che nel giro di massimo una settimana incoronerà le nuove Campionesse d’Italia prima che la nostra Nazionale parta alla volta del Giappone dove disputerà il torneo di qualificazione alle Olimpiadi 2016.

Si incomincia dal PalaVerde dove Conegliano ospiterà Piacenza nel remake della Finale del 2013, quando le emiliane conquistarono il loro primo storico scudetto, preludio del leggendario bis confezionato solo dodici mesi più tardi. La Nordmeccanica è alla terza finale della sua storia, mentre la Imoco è pronta per la sua seconda caccia a quel tricolore mai cucito sulle casacche gialle.

Si affrontano la dominatrice della regular season e la terza del campionato con tutti i favori del pronostico che pendono dalla parte delle venete, squadrone già accreditato in avvio di stagione e che ha avanzato più volte la sua candidatura tricolore dopo un’autentica cavalcata nel girone di ritorno.

 

La Pantere sono arrivate all’atto conclusivo con un cammino netto, eliminando Montichiari ai quarti di finale e Modena in semifinale, chiudendo entrambe le serie per 2-0. Molta più fatica, invece, per le ragazze di coach Gaspari, sempre costrette a gara3 prima da Scandicci e poi da Bergamo. Conegliano ha vinto entrambi i precedenti in regular season: 3-0 in casa e 3-1 al PalaBanca.

Coach Mazzanti, accreditato da molti per un possibile futuro da Commissario Tecnico dell’Italia dopo le Olimpiadi (si spera) e la conclusione dell’era Bonitta, va a caccia del bis scudetto dopo quello miracoloso dello scorso anno con Casalmaggiore, ottenuto insieme alla compagna Serena Ortolani, ancora pronta a martellare da opposta. Uno squadrone che può contare sul talento di Kelsey Robinson, Rachael Adams e Alisha Glass: tre giocatrici che da sole cambiano gli equilibri di un’intera stagione. Il capitano è l’infinita Valentina Arrighetti, il libero è Monica De Gennaro che insieme alla Ortolani è l’unica di questa Finale accreditata di una possibile maglia azzurra a Tokyo.

Piacenza può contare sulla classe di Flo Meijners e sugli attacchi di Indre Sorokaite che sta attraversando un ottimo momento di forma. Determinante il contributo delle centrali Christina Bauer (interpellata spesso con i primi tempi) e Yvon Belien (regina a muro), regia affidata al talento di Maja Ognjenovic, il libero è Giulia Leonardi, il capitano Francesca Marcon eccellente in ricezione.

 

Lascia un commento

Top