Volley, Champions League – Trento vs Civitanova, che derby a Cracovia! L’Italia torna a sognare, chi vola in Finale?

Trento-Volley-A1-Pier-Colombo.jpg

Dopo sette anni sono di nuovo qui, dopo aver riportato l’Italia il più in alto possibile in Champions League. Da sette stagioni il nostro Paese, culla di uno dei più importanti movimenti pallavolistici del Vecchio Continente, non riusciva a portare due squadre alla Final Four della massima competizione europea per club. Dopo sette lunghe primavere di vacche magre, spetta di nuovo a Trento e Civitanova riportarci in auge.

Oggi pomeriggio (ore 19.30, diretta tv su Fox Sport HD e diretta streaming su OASport) i Campioni d’Italia e la vincitrice dell’ultima regular season si affronteranno alla Tauron Arena di Cracovia: 15000 spettatori sugli spalti, cornice incandescente per una semifinale che si preannuncia stellare. Nel 2009 prevalsero i dolomitici che poi si involarono verso la loro prima storica Coppa.

 

Una cosa è certa. Ci sarà sicuramente una squadra italiana in Finale come non succedeva da tre anni quando Cuneo perse contro la Lokomotiv Novosibirsk nel secondo anno del dominio delle squadre russe, dal 2012 sempre vincitrici della Champions League. La Coppa manca in Italia addirittura dal 2011 quando fu Trento ad alzarla al cielo per l’ultima volta davanti al suo pubblico di Bolzano.

La Polonia porta bene a Diatec e Lube che, tra Lodz 2010 e Opolia 2002, hanno festeggiato nella terra biancorossa, questa volta stretta attorno all’Asseco Resovia che proverà a fermare il super favorito Zenit Kazan.

 

Macerata non ha mai sconfitto Trento in Champions League (oltre al ko nella semifinale del 2009 anche la doppia sconfitta nei quarti di finale del 2012) e ha smania di grande riscatto. I cucinieri si presentano a questo appuntamento frastornati dal doppio ko patito contro Perugia ma motivati ad agguantare il trofeo più ambito per cui questa squadra era stata costruita. Una rosa di qualità tecnica eccellente, una panchina infinita, uomini fortissimi a disposizione che però in questa stagione hanno finora raccolto poco (eliminazione dalla Coppa Italia, rincorsa scudetto appesa a un filo).

Trento, dall’altra parte, è arrivata alla Final Four in sordina e contro i pronostici della vigilia, anch’essa però destabilizzata dalle due sconfitte contro Modena nella semifinale dei playoff scudetto. Una formazione che sulla carta non è infarcita di super big ma che al momento necessario ha tirato fuori unghie, artigli, cuore, caparbietà e convinzione nei propri mezzi.

Senza Djuric e Lanza è arrivato il miracolo contro il Belogorie Belgorod nei quarti di finale, turno in cui la Lube al gran completo ha faticato contro l’altro colosso Halkbank Ankara.

 

In stagione le due formazioni si sono affrontate tre volte: un successo per parte in regular season, affermazione trentina nella semifinale di Coppa Italia giocata a Milano. Macerata insegue la seconda Champions League della sua storia dopo quella del 2002, Trento proverà ad agguantare il poker dopo la leggendaria tripletta consecutiva datata 2009-2010-2011.

La banda Stoytchev parte leggermente sfavorita guardando esclusivamente il roaster avversario ma per caparbietà e tenacia non è inferiore agli uomini di Blengini, anzi. Prima Final Four per Simone Giannelli che dovrà gestire al meglio l’opposto Mitar Djuric e si spera capitan Lanza che, se sarà in forma, affiancherà Tine Urnaut. Dall’altra parte della rete, però, la risposta di Christenson la cui regia incontrerà il favore di Ivan Miljkovic (lui c’era ad alzare la Coppa nel 2002!) e della stella Osmany Juantorena, affiancato da Klemen Cebulj. Al centro si profila una sfida stellare tra Solé e Van De Voorde contro i serbi Podrascanin/Stankovic, i due liberi saranno Colaci e Grebennikov.

La sensazione è che l’incontro si possa decidere grazie a due chiavi risolutrici: la ricezione e la battuta, fondamentali davvero imprescindibili che potrebbero indirizzare l’incontro considerando la potenza d’attacco di ambo le squadre. Sarà importante anche la varietà di colpi in un match che si preannuncia tirato e deciso da pochi episodi nei momenti caldi dei vari set.

 

Articoli correlati:

Champions League – Final Four: tabellone, programma, orari e tv: Trento e Civitanova per la Coppa a Cracovia

Champions League – Italia a caccia della Coppa: Trento e Civitanova, che sfida in semifinale. Kazan favorito

Champions League – Trento all’assalto della Coppa: i Campioni d’Italia ai raggi X tra sogni, speranze, obiettivi

Champions League – Civitanova all’assalto della Coppa: la Lube ai raggi X tra sogni, speranze, obiettivi

Lascia un commento

Top