VIDEO – Nuoto, Assoluti Riccione 2016: il film della quarta giornata. Pellegrini: “Passaggio inatteso, poi sono morta”

Federica-Pellegrini-nuoto-enrico-spada.jpg

RICCIONE – Ennesimo colpo basso di Federica Pellegrini. Nella quarta giornata degli Assoluti di nuoto non si parla della veneta per il primo 1’54” della carriera in tessuto – che non arriva, ferma a 1’55”30 – bensì per uno dei suoi passaggi più veloci di sempre ai 100, 55”73, che le impedisce di reggere quel ritmo folle fino al tocco ma che, lavorando adesso sulla resistenza, apre scenari più che interessanti verso le Olimpiadi. “Se avessi fatto questo tempo con una delle mie solite gare non sarei contenta – spiega in zona mista – ma oggi lo sono per il passaggio velocissimo. So di averne ancora“.

Mercoledì prossimo, il 27 aprile, la Divina sarà annunciata con tutta probabilità portabandiera azzurra per Rio 2016. Ma, al momento, glissa sull’argomento: “Lo sanno tutti, ma a me non è stato detto nulla. Ovvio che sarebbe un onore“.

E ancora, in relazione all’approccio alla gara: “Mi aspettavo un passaggio a 56”2, mezzo secondo in meno si sente. E infatti alla fine sono morta“.

Dopo l’1’59”61 di Federico Turrini nei 200 misti, Elena Gemo si prende i 50 dorso in 28”34 e svela la sua ricetta per vivere il nuoto con il sorriso:

21”91 per Luca Dotto nei 50 stile libero: per il neo primatista italiano della gara regina c’è il secondo pass olimpico e l’occasione è buona per tornare a parlare della super prestazione offerta ieri nei 100. Tra prospettive e sensazioni, le sue parole:

Con 22”06, invece, Federico Bocchia è qualificato per gli Europei di Londra. Obiettivo raggiunto: è la sua prima convocazione in vasca lunga per un evento internazionale con la maglia azzurra:

Niente record italiano nei 50 rana per Martina Carraro (30”86), ma un buon test in vista di 100 di domani. La genovese trapiantata a Bologna è ottimista, nonostante l’abbondanza di rivali:

Infine, Gabriele Detti. 7’48”19: dopo le eccezionali prestazioni nei 400 e 1500 sl, il livornese si diverte anche negli 800 e centra il terzo miglior crono mondiale stagionale. Confermando il suo sogno: l’ultima virata delle gare olimpiche. Poi si vedrà:

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto: Enrico Spada

Lascia un commento

Top