Tuffi, World Series 2016: Cagnotto quinta a Windsor. Cinesi e Abel show

Tania-Cagnotto-6-tuffi-ricevuta-da-ufficio-stama-arena-italiaCredit-La-presse.ph-Fabio-Ferrari-1.jpg

Antipasto di Olimpiade. Dopo i 357.75 punti della semifinale, Tania Cagnotto si testa a Windsor contro le potenziali rivali sulla strada di Rio 2016. Nella finale individuale da 3 metri della terza tappa delle World Series 2016 ci sono le cinesi He Zi e Shi Tingmao, la canadese Jennifer Abel, l’australiana Maddison Keeney e la malese Yan Yee NG, sorprendente nel pomeriggio con 350 punti.

L’avvio dell’azzurra è strabiliante, 76.50 con il doppio e mezzo indietro, ma un 61.50 nel ritornato – un po’ chiuso in entrata – frena le ambizioni della bolzanina già alla seconda rotazione di una gara iper competitiva. Abel, davanti al pubblico di casa, si esalta e non solo aggira al meglio l’ostacolo rovesciato (76.50), ma addirittura prova a incrementare il proprio vantaggio – le cinesi sono già imprendibili – con un triplo e mezzo avanti carpiato di pura potenza.

Cagnotto accusa un po’ di stanchezza e non va oltre 63 punti con il doppio e mezzo avanti con un avvitamento. Ormai il podio è lontano – alla fine è He Zi (401.55), Shi Tingmao (394.05) e Abel (386.55), ma i segnali di chiusura con avanti e soprattutto rovesciato sono convincenti: 71.30 e 69. 341.30 il punteggio finale (quinta) con tempi di recupero cortissimi. A Rio 2016 sarà sicura protagonista.

Dopo la finale maschile dalla piattaforma delle 23, che si preannuncia spettacolare con coefficienti estremi e tanti fuoriclasse al via, Tania Cagnotto a mezzanotte sarà impegnata nel sincro misto dal trampolino con Maicol Verzotto in cui è bronzo mondiale in carica.

I RISULTATI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: LaPresse/Fabio Ferrari/ricevuta da ufficio stampa Arena Italia

Lascia un commento

Top