Tuffi, World Series 2016: Cagnotto quasi da record a Kazan! Finale da 3 metri, Abel eliminata

Tania-Cagnotto-6-tuffi-ricevuta-da-ufficio-stama-arena-italiaCredit-La-presse.ph-Fabio-Ferrari-1.jpg

Da Kazan a Kazan. Tania Cagnotto respira l’aria fortunata e magica dell’oro iridato dal metro (nonché del terzo posto da 3) e si conferma in gran forma nella semifinale B dell’ultima tappa delle World Series. In Russia la fuoriclasse azzurra migliora il già entusiasmante punteggio canadese (357.75) e raggiunge quota 360.86, a tre lunghezze dalla cinese He Zi e, soprattutto, davanti a due delle principali rivali per le Olimpiadi di agosto. Pamela Ware è terza (351.80), mentre Jennifer Abel, autrice di 386.55 per il suo record personale settimana scorsa, si arrende in quarta posizione (336.70) e non prenderà parte all’atto conclusivo in cui ci saranno invece, dalla semifinale A, Shi Tingmao (370), Maddison Keeney (355.35) e Yan Yee NG (298.85).

Per Tania Cagnotto si tratta di uno dei più alti punteggi di sempre: alle Olimpiadi di Londra 2012, quando arrivò quarta per venti centesimi, ne fece 362.20. Una prestazione quasi perfetta quella dell’altoatesina, aperta dai 73.50 punti del doppio e mezzo indietro e chiusa dai 78 del rovesciato. In mezzo anche un super triplo e mezzo avanti carpiato – tuffo fatale alla Abel – da 72.85.

La finale è prevista alle 16.30 italiane: diretta streaming su Fina TV e livescore su OmegaTiming. Dopo il quinto posto di domenica scorsa a Windsor, la bolzanina proverà a lanciare l’ultimo grande messaggio alle rivali internazionali prima di Rio 2016. Alle 18.20, infine, Tania sarà nuovamente sul trampolino per il sincro misto con Maicol Verzotto: proprio a Kazan vinsero il bronzo mondiale nel 2015.

I RISULTATI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: LaPresse/Fabio Ferrari/ufficio stampa Arena Italia

Lascia un commento

Top