Tennistavolo: l’Italia merita le Olimpiadi? Varsavia ultima occasione

Mihai-Bobocica-tennistavolo-foto-fitet.jpg

Sei vittorie su trenta partite. Il dato, impietoso, evidenzia in poche parole l’esito più che negativo del preolimpico dell’Italia di tennistavolo, ancora molto lontana da Rio 2016 e, a questo punto, a rischio zero qualificati per i Giochi.

BOBOCICA ALTI E BASSI – Solo Mihai Bobocica, infatti, ha vinto più di un incontro. Partito come 52° del ranking olimpico, l’italo-bulgaro non è riuscito a risalire la china, ottenendo due successi nella prima giornata ma non riuscendo a confermarsi nei momenti più delicati. E’ lo 0-4 contro il rumeno Ovidiu Ionescu nella prima fase a gridare ancora vendetta: seppur più avanti nella classifica mondiale, si trattava di un avversario probabilmente alla portata dell’azzurro, che invece ha ceduto senza opporre quasi resistenza.

MINIMO INDISPENSABILE – Anche gli altri cinque convocati (Niagol Stoyanov, Marco Rech Daldosso, Debora Vivarelli, Chiara Colantoni e Giorgia Piccolin) sono tornati in patria senza sorrisi. I primi quattro hanno vinto un match, il terzo della fase preliminare, quello sufficiente per superare da terzi il proprio girone da quattro, mentre la giovane altoatesina – dalla quale, comunque, non ci si aspettava nulla – ha chiuso con tre ko. Stoyanov, 64°, un leone nel cedere solo 3-4 al fuoriclasse austriaco Stefan Fegerl nella prima fase, si è invece arreso troppo agevolmente allo slovacco Bai He nella seconda.

POLEMICHE IN TV– Visti i risultati del gruppo femminile, prevedibili ma non per questo deludenti, aumenta in rete il disappunto del gruppo “Vogliamo Niko a Rio“, creato dopo lo sfogo alla Gazzetta dello Sport di Nikoleta Stefanova – la prima italiana per ranking Ittf –  secondo cui sarebbe stata esclusa dalle convocazioni solo a causa della sua seconda maternità. Il gelo con la FiTeT rimane tale e ieri sera se n’è occupata anche la trasmissione Le Iene. Qui il video del servizio.

ALL-IN A VARSAVIA – Non tutto è perduto, però, soprattutto per Bobocica e, in minima parte, anche per Stoyanov e Vivarelli. Dal 20 al 24 aprile l’Open di Varsavia assegnerà gli ultimi punti per tentare una rimonta in extremis. A inizio maggio, infatti, i migliori 22 per genere del ranking olimpico ancora senza biglietto per Rio 2016 saranno qualificati automaticamente. Al momento Bobo viaggia in una situazione borderline: una bella prestazione in Polonia potrebbe valere il Brasile.

Gli azzurri in Polonia (20-24 aprile):
Niagol Stoyanov
Alessandro Baciocchi
Debora Vivarelli
Mihai Bobocica (anche in doppio con Mutti)
Leonardo Mutti
Marco Rech Daldosso (anche in doppio con Stoyanov)

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fitet

Lascia un commento

Top