Tennis: David Goffin, l’estro e la classe contro i muscoli e la forza

tennis-david-goffin-pagina-fb-goffin.jpg

Uno dei giocatori che si è messo il luce maggiormente in queste ultime settimane è certamente il belga David Goffin. Il nativo di Liegi è reduce dalle prime due semifinali della carriera in un Masters 1000 ad Indian Wells e Miami, che gli hanno permesso di raggiungere la posizione numero 13 della classifica mondiale, suo best ranking.

Centottanta centimetri per quasi settanta chili, Goffin non rappresenta certamente il prototipo del tennista attuale, quello tutto forza e muscoli, ma certamente è più un giocatore di un’epoca passata, che fa del talento e della classe sopraffina la sua arma rispetto ai “giganti” che stanno invadendo il circuito. Dotato di un braccio delizioso sia con il diritto che con il rovescio, di un ottimo servizio (nonostante l’altezza non elevata) e anche di un discreto gioco di rete, David è sicuramente molto divertente da veder giocare ed è uno di quelli che appassiona di più gli appassionati di tennis.

Dopo alcune stagioni dal suo approdo nel circuito maggiore, Goffin si è fatto notare nel 2014, quando ha conquistato i primi due e per ora anche unici tornei della carriera (Kitzbuhel e Metz), chiudendo la stagione a ridosso dei primi venti del mondo. Lo scorso anno non sono arrivate vittorie, ma conferme ad alti livelli, che gli hanno permesso di entrare tra i primi quindici del mondo in classifica. Il risultato più importante, però, resta la finale conquistata in Davis con il suo Belgio. Goffin è stato l’autentico trascinatore di una delle più incredibili sorprese della competizione, arrendendosi solamente alla Gran Bretagna di Andy Murray.

Il 2016 si è aperto con l’eliminazione agli ottavi degli Australian Open per mano di Roger Federer, ma è sul cemento americano che Goffin ha dato spettacolo con le due semifinali raggiunte ad Indian Wells e Miami. Risultati che certamente aprono spiragli molto importanti per il 25enne di Liegi, che ha come primo obiettivo quello di entrare nella Top Ten del ranking mondiale. Missione alla portata di David, che sa ben adattarsi su tutte le superfici e quindi potrebbe raccogliere ulteriori risultati anche nei prossimi appuntamenti sulla terra europea a partire già da Montecarlo e poi con Madrid e Roma.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@oasport.it

Foto pagina FB David Goffin

Tag

Lascia un commento

Top