Scherma, Mondiali a squadre: l’Italia punta al doppio titolo

Fioretto-femminile-Italia-Errigo-Di-Francisca-Vezzali-Batini-scherma-foto-augusto-bizzi-federscherma.jpg

Non si gareggia per una medaglia olimpica, ma in palio c’è comunque un titolo mondiale importante e fiorettiste e sciabolatori vogliono conquistarlo. A Rio de Janeiro si disputano i Mondiali a squadre per il fioretto femminile e la sciabola maschile, le due armi che per la regola delle rotazioni non saranno presenti nel programma della scherma alle Olimpiadi.

L’Italia vede sfumare via due quasi sicure medaglie olimpiche (si potrebbe dare anche la certezza assoluta) e cercherà a questo punto di dominare questa rassegna iridata, puntano alla medaglia d’oro sia in entrambe le prove.

Sarà l’ultimo Mondiale di Valentina Vezzali, che dopo l’Europeo di giugno ha deciso che metterà fine alla sua straordinaria carriera. La jesina sarà ancora una volta in pedana insieme ad Arianna Errigo, Elisa Di Francisca e Martina Batini per tentare di conquistare la 26esima medaglia iridata della carriera. Il Dream Team è campione in carica e difenderà il titolo dalla solita Russia, dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti.

Nella sciabola maschile non ci sarà Aldo Montano, sempre alle prese con il recupero dopo l’operazione alla spalla. L’Italia dunque si affida a 3/4 del quartetto che a Mosca nel 2015 aveva riportato il nostro paese dopo 18 anni sul gradino più il alto del podio in un Mondiale.

Diego Occhiuzzi, Luigi Samele, Luca Curatoli ed Enrico Berrè ecco i quattro azzurri che andranno alla caccia del bis iridato, ma non mancheranno di certo gli avversari con la solita Russia, gli Stati Uniti e alcune possibili outsider come Germania ed Ungheria.

Si comincia lunedì 25 con la prova di fioretto ed il giorno seguente tocca alla sciabola. Entrambe le gare saranno visibili in diretta su Rai Sport HD.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@oasport.it

 Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top