Parigi-Roubaix 2016, DIRETTA LIVE: Hayman conquista una corsa meravigliosa

Schermata-2016-04-10-alle-01.35.47.png

Viene definita la regina delle classiche. La Parigi-Roubaix è arrivata alla sua edizione numero 114: un romanzo che prenderà il via alle 10.50 da Compiègne per concludersi 257 chilometri dopo nel velodromo più celebre del mondo. Di questi, oltre 52 km saranno sul pavé, distribuiti in 27 settori. Il grande favorito della vigilia è Peter Sagan, che viene dalle vittorie alla Gand-Wevelgem e al Giro delle Fiandre. Fabian Cancellara, all’ultima apparizione, punta alla quarta vittoria. Sep Vanmarcke cerca il primo successo in una Monumento. Tom Boonen il riscatto nella sua corsa. Una giornata da seguire pedalata dopo pedalata, pietra dopo pietra senza perdersi nemmeno un respiro. OA Sport vi offrirà la diretta scritta integrale della competizione sin dal chilometro zero, in un viaggio che va vissuto senza remore. Benvenuti all’Inferno del Nord. 

I FAVORITIIL PERCORSO LE PREVISIONI METEOLA STARTLIST

Clicca F5 per aggiornare la pagina

16.57: volata splendida di Hayman, successo a sorpresa. Battuto di misura Boonen.

16.56: rientra Vanmarcke! E arrivano anche gli altri due. Ultimo giro del velodromo.

16.55: si entra nel velodromo! Hayman e Boonen.

16.54: ultimo chilometro! Sono in due, Hayman e Boonen. Staccati gli altri

16.54: Boonen al contrattacco e arriva Hayman da dietro!

16.53: ancora Stannard, prende qualche metro ma un magnifico Boonen chiude il buco.

16.51: scatti e controscatti. Quattro all’arrivo.

16.50: cinque all’arrivo, ancora tutti insieme.

16.49: STANNARD!!! Il britannico parte in contropiede, prova a chiudere Boonen.

16.48: nulla di fatto. Ancora tutti e cinque insieme. Sarà volata nel velodromo o qualcuno potrebbe anticipare=

16.46: penultimo tratto di pavé. Ci proverà Vanmarcke?

16.44: meno di 10 chilometri all’arrivo.

16.43: trenata incredibile per Stannard che riprende Vanmarcke. Sono in cinque al comando, se la giocano loro.

16.38: lungo testa a testa Boonen-Vanmarcke. Tommeke l’ha tenuto a 10”, poi Boasson Hagen, Stannard e Hayman. Possono provare a rientrare.

16.34: e se ne va! Cinquanta metri, e Boonen ripassa all’inseguimento

16.33: ci prova Vanmarcke! Stannard è a 10 metri seguito da Boonen e Boasson Hagen.

16.32: sono rimasti in 5 davanti. Stannard, Boasson Hagen, Vanmarcke, Boone  e Hayman. Carrefour de l’Arbre!

16.28: attacco del Team Sky! Tratto di vento laterale, Saramotjns alza bandiera bianca.

16.25: situazione stabile, si avvicina il Carrefour de l’Arbre che potrebbe decidere la corsa.

16.14:  rientra Vanmarcke e si porta dietro tutti. Corsa spaventosa di Boonen ma potrebbe pagare.

16.13: TOOOOOOM BOOOOOOONEN! Altro attacco di Tommeke!

16.08: rientrati Haussler e Sieberg. Proprio il tedesco prova ad attaccare ma senza troppa convinzione.

16.03: Rowe rientra e attacca, reagisce subito Boonen!

15.56: Sagan perde 1’10”, Cancellara a 3′. Una Roubaix senza respiro dal primo chilometro.

15.52: Boonen è riuscito a rientrare con alcuni uomini. La composizione del primo gruppo:Boonen, Stannard, Vanmarcke, Boasson Hagen, Hayman, Saramotins ed Erviti.

15.49: Sep Vanmarcke e Ian Stannard! Attaccano questi due uomini, Boonen prova a tenere ma perde 50 metri. Caduta di cancellara che ha messo per terra tutto il gruppo dietro. Sembra chiusa agli uomini davanti. Sagan è riuscito a rimanere in piedi ma ha un minuto da recuperare.

15.45: Stannard e Rowe, i capitani della Sky, sono ancora con i primi. 34” di vantaggio su Sagan-Cancellara.

15.42: caduta anche Puccio! Pavé bagnato e insidioso, Sky dimezzata. Boasson Hagen e Vanmarcke accelerano.

15.40: CADUTA DEL TEAM SKY! Moscon tira giù tutti, potrebbe riaprirsi la corsa.

15.40: Sagan e Cancellara non guadagnano! 40” di ritardo, settore in pavé a 4 stelle.

15.35: Terpstra rientra su Sagan e cancellara. Puccio tira in testa alla corsa e non perde terreno. Gran prova dell’azzurro del Team Sky.

15.33: Sagan e Cancellara attaccano! Provano a rientrare i due fenomeni ma sono rimasti da solo e hanno da recuperare oltre 30”. Che corsa! Molto bene Moscon nel primo gruppo.

15.31: problema tecnico per Vanmarcke che però è prontamente rientrato.

15.25: Vanmarcke fa sul serio! Mette davanti la squadra e rientra sulla testa della corsa. Momento difficilissimo per Sagan e Cancellara che perdono da Boonen&Co.

15.18: Hayman ripreso dagli altri fuggitivi. C’è sempre Puccio lì davanti.

15.15: 40” per il gruppo Cancellara-Sagan da Boone. Stuyven al lavoro per lo svizzero.

15.07: il primo gruppo inseguitori si è riportato su Boonen e compagni. Ha attaccato in solitaria Hayman che ha 50” su tutti gli altri. Cancellara e Sagan attardati di altri 50”. Che corsa incredibile! 75 chilometri alla fine.

14.45: questa la situazione al termine della Foresta. Guidano sempre i 13 fuggitivi. A 1’20” il gruppetto di Boonen formato da 6 atleti. A seguire un gruppo molto disunito. Poi un gruppetto di circa 15 uomini comprendente Sagan e Cancellara a 55” da Boonen. Con loro Trentin e Oss.

14.43: tutti nella Foresta. Cancellara mena le danze in gruppo davanti ad Oss e Sagan.

14.35: rimangono in 6 nel gruppetto a 2′ dai leader. Martin e Boonen (Etixx-QuickStep), Robert Wagner (LottoNL-Jumbo), Ian Stannard (Team Sky), Edvald Boasson Hagen e un Orica-GreenEDGE che dovrebbe essere Jens Keukeleire. Tutto pronto per la Foresta di Arenberg! 97 km alla conclusione

14.24: 1′ di differenza! Momento critico della corsa quando ci avviciniamo alla Foresta di Arenberg! 10 chilometri alla Foresta.

14.21: 40” di vantaggio per la prima parte del gruppo sul plotoncino di Sagan e Cancellara.

14.14: la Etixx-QuickStep ha spezzato il gruppo. Sono rimasti una ventina davanti. Corsa durissima dopo la partenza a tutta della prima ora.

14.13: altra caduta, sempre sul pavé. Alcuni uomini devono ancora ripartire. I fuggitivi hanno 4′ di vantaggio.

13.56: ricordiamo i fuggitivi. Chavanel (Direct Energie), Hayman, Nielsen (Orica Greenedge), Popovych (Trek Factory), Le Bon (FDJ), Kump (Lampre), Declercq (Topsort), Puccio (Sky), Janse Van Reensburg (Dimesion Data), Backaert (Wanty), Daniel (AG2R),  Bozic (Cofidis) e Erviti (Movistar). Oltre i 3′ ora il loro vantaggio.

13.47: caduta! Il pavé non perdona, imbottigliamento su un tratto in pavé.

13.38: il gruppo respira e i fuggitivi scappano a 1’25”.

13.30: una fase praticamente tutta in pavé, 144 chilometri al traguardo.

13.29: la media della corsa è di 46 km/h a testimonianza della difficoltà delle fasi iniziali.

13.22: data la pioggia degli ultimi giorni non c’è polvere sui tratti in pavé e alcune parti sono fangose. I corridori sono sul settore di Quievy, il numero 25. Morkov ha perso contatto dalla testa per una foratura.

13.21: 1′ per i 15 uomini al comando.

13.13: è il Team Sky a fare il ritmo in testa al plotone. Distacco del gruppo che è sceso a 40”.

13.08: inizia la lotta per le posizioni, prima caduta nelle ultime posizioni del gruppo.

13.04: il gruppo ha lasciato 55”. E ormai siamo prossimi al settore di Troisvilles, il primo sul pavé di questa giornata che fino ad ora non ha lasciato respiro ai corridori. Stanno rientrando da una foratura Lars Boom (Astana) e Sep Vanmarcke (LottoNL-Jumbo), tra i protagonisti attesi anche in ottica vittoria.

12.47: Kump (Lampre), Backaert (Wanty – Groupe Gobert) Chavanel (Direct Energie), Le Bon (FDJ), Wallays (Lotto Soudal), Puccio (Team Sky), Martinez (Delko Marseille), Bozic (Cofidis), Hayman (Orica-GreenEDGE), DeClerq (TopSport Vlaanderen – Baloise), Popovych (Trek Segafredo), Cort Nielsen (Orica-GreenEDGE) , Erviti (Movistar), Morkov (Katusha), Daniel (AG2R) e Van Rensburg (Dimension Data) davanti. Alle loro spalle però la Bora Argon va a tutta in gruppo e dunque sono attesi altri capovolgimenti di fronte.

12.42: sono in sedici al comando, tra poco la composizione. 30” per loro.

12.39: prova ad andar via un gruppo più numeroso.

12.34: dopo 65 chilometri si esaurisce anche la fuga dei tre, con il nostro Elia Viviani costretto a rientrare in gruppo.

12.26: 190 chilometri al traguardo, ancora instabile la situazione.

12.20: prosegue l’attacco di Van Poppel, Porsev e Viviani. Circa 30” di vantaggio sul gruppo, dal quale continuano a provare a scattare i corridori a caccia della fuga.

12.12: nulla da fare per l’austriaco. Continuano gli scatti in gruppo. I tre davanti guadagnano spazio.

12.08: al contrattacco Brandle della IAM Cycling.

12.07: ora sembra avere un attimo di tregua la marcia del gruppo. Guadagnano spazio i tre fuggitivi.

12.00: situazione ancora in grande evoluzione. Viviani, Porsev e Boy Van Poppel hanno preso vantaggio, il gruppo a 10”  e sempre diviso in tronconi che però adesso si stanno ricongiungendo.

11.59: ventagli! Il gruppo è spezzato in tre tronconi, il primo si sta riportando sui fuggitivi che ormai hanno una manciata di secondi di vantaggio. Corsa difficile sin dalle primissime fasi. 212 chilometri alla conclusione.

11.58: questi i loro nomi. Cavendish (Dimension Data), Trusov (Tinkoff), Knees (Team Sky), Van Keirsbulk (Etixx-QuickStep), Zabel (BMC), Wallays (Lotto-Soudal), Gaimon (Cannondale), Castelijns (LottoNL-Jumbo), Devolder (Trek Segafredo), Le Bon (FDJ), Curvers (Gian-Alpecin), Gerts (BMC), Trentin (Etixx-QuickStep), Naesen (IAM), Schwarzmann (Bora-Argon18), Viviani (Team Sky), Oliveira (Movistar), Ladagnous (FDJ), Coledan (Trek-Segafredo), Porsev (Katusha), Helven (TopSport Vlaanderen – Baloise). Mancano all’appello alcuni nomi.

11.51: sono 21 gli attaccanti, gruppo a 29”. Lampre, Astana e Direct Energie provano a ricucire ma sembra onestamente difficile.

11.49: c’è anche Viviani del Team Sky all’attacco. Per il Elia è l’esordio alla Roubaix. Gruppo a 20”.

11.45: la Trek è molto attiva davanti con 3 atleti. Tra questi anche Marco Coledan.

11.44: Jacopo Guarnieri non è partito. Sono 13, dunque, gli italiani in corsa. 18” per gli attaccanti, gruppo in lunghissima fila indiana, si potrebbero creare altri buchi.

11.37: azione potenzialmente pericolosa anche per il successo e infatti il gruppo sta provando a chiudere il gap. 100 metri di ritardo, si va a tutta.

11.34: il vento di fa sentire. Di fatto si è aperto un ventaglio e ci sono una quindicina di uomini al comando. Il gruppo non lascia andare ma adesso davanti al plotone stanno uscendo in tanti. E infatti Boasson Hagen ha messo davanti i compagni a tirare. Sembra esserci anche Trentin tra gli attaccanti.

11.31: ci ha provato anche Roberto Ferrari della Lampre Merida. Attenzione al vento che sembra più intenso di quanto previsto.

11.28: gruppo compatto! Dopo quasi 20 chilometri nulla da fare per la fuga. E riprendono gli scatti.

11.23: il gruppo va a momenti mentre i fuggitivi sono sempre al massimo.

11.21: i contrattaccanti sono stati riassorbito. Gruppo sempre a 150 metri dalla testa della corsa. 242 chilometri al traguardo.

11.19: Bagdonas, Vanbilsen, Politt, Siskevicius, Stenuit e Jarrier sono al comando. Solo 13” di vantaggio sui più immediati inseguitori. Un gruppetto di 6 uomini. Il gruppo poco dietro ancora allungato.

11.18: il gruppo non lascia spazio e insegue ancora forte. È una cronometro adesso.

11.15: quattro uomini al coando con un leggero margine su due inseguitori. Sembra poter essere l’azione buona.

11.10: non parte il tentativo buono per ora.

11.06: subito attivo Westra dell’Astana ma il primo tentativo non è andato a buon fine.

11.04: è caduto Dimitri Claeys della Wanty Groupe Gobert. Anche per questo la gara è partita solo adesso. INiziano gli scatti sin dal primo metro!

11.01: lungo trasferimento ma ormai ci siamo. Nelle prime posizioni in attesa del via ufficiale c’è anche Lars Van Der Haar, ciclocrossista in forze alla Giant-Alpecin e campione europeo in carica.

10.55: il pavé cittadino di Compiègne ha già fatto danni. Alexandre Pichot si è ritrovato senza sella nel tratto di trasferimento.

10.50: ci siamo! I corridori sono schierati, si parte. Ha preso il via la Parigi-Roubaix, alcuni chilometri di trasferimento prima del via ufficiale.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto:By Felouch Kotek (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Top