Nuoto, Trials olimpici Gran Bretagna: Peaty e Murdoch per una rana show, Guy insegue Horton

Adam-Peaty-nuoto-foto-facebook-fina-deepbluemedia.jpg

A Glasgow da oggi è il turno della Gran Bretagna. Il primo acuto dei Trials olimpici d’oltremanica è di James Guy, argento mondiale in carica nei 400 stile libero, che nella gara dominata dall’australiano Mack Horton settimana scorsa ad Adelaide in 3’41”65 timbra il secondo tempo stagionale in 3’43”84. Una prestazione comunque di notevole livello che sfiora il suo record nazionale (3’43”75 a Kazan) e regala al 20enne di Bury la prima partecipazione ai Giochi della carriera.

Saranno le mie prime Olimpiadi – commenta a caldo, come si legge su Swimvortex.come mi sembra tutto così surreale. Lo sogno da sempre. Ora tutto può succedere. Se le cose andranno per il verso giusto, ci sarà da divertirsi“. Pur con un Horton formato razzo, Guy lancia così la sfida al misterioso cinese Sun Yang, battuto la scorsa estate nei 200 sl e campione olimpico in carica. I 200 stile – continua l’inglese – rappresentano la sua vocazione agonistica: la scintilla brillò ad Atene 2004 durante la “gara del secolo” tra Ian Thorpe, Pieter Van Den Hoogenband e Michael Phelps. E proprio i 200 femminili non vedono nessuna britannica strappare il pass. La migliore della finale è Jazmin Carlin con un modesto 1’57”62.

Poi è la volta di Adam Peaty, atteso subito nella gara – i 100 rana – di cui è recordman mondiale e assolutamente presente all’appello. Il potente britannico fa 58”41 e vola in testa al ranking stagionale con nove decimi di vantaggio sul connazionale Ross Murdoch, impressionante secondo in 59”31. Il sudafricano Cameron van der Burgh, che sta disputando proprio in questi giorni i Trials del suo paese, finora non è sceso sotto 59”61.

Sono contento – le parole di Peaty -. L’obiettivo è raggiunto. Ora penserò a divertirmi e vedere cosa succederà nei 200. Posso fare ancora meglio: nel record dell’anno scorso c’erano un brutto tuffo e una virata migliorabile“. 4’33”40, infine, per Hannah Miley nei 400 misti: è in Brasile con il secondo miglior crono del 2016.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top