Nuoto: la Russia aiuta Yulia Efimova. Niente Trials, ma speranze olimpiche ancora aperte

Efimova-Meilutyte-nuoto-foto-fb-fina-dpm.jpg

Giudizio sospeso. In attesa di sapere – in base alle dosi della sua positività al meldonium che saranno presto pubblicate dalla Fina – se Yulia Efimova sarà o meno graziata dalla Wada, la campionessa del mondo dei 100 rana non prenderà parte ai Trials russi al via questo sabato.

Tuttavia – come riporta il sito americano SwimSwam.com – proprio in queste ore la Federazione russa ha modificato i propri criteri di qualificazione a Rio 2016, permettendo alla campionessa già sospesa per steroidi nel 2013 di sperare ancora nei Giochi. I pass saranno infatti assegnati non solo ai vincitori delle singole gare che otterranno i tempi limiti imposti, ma anche gli assenti potranno volare in Brasile se già capaci di nuotare, tra il primo gennaio e il primo aprile, un crono più basso del secondo classificato ai Trials.

Al momento Yulia Efimova 1’05”70 nei 100 rana (1° al mondo nel 2016) e 2’21”41 nei 200 (2°). Con questi biglietti da visita, se la sua professata innocenza venisse confermata, sarebbe dunque molto probabilmente qualificata a Rio 2016 pur senza scendere in vasca questa settimana.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top